Juventus, Cristiano Ronaldo rompe il silenzio

Il campione portoghese ha commentato attraverso i suoi profili social la pesante sconfitta nel Trofeo Gamper contro il Barcellona.

9 Agosto 2021

Le parole del campione portoghese all'indomani del ko a Barcellona.

Ha atteso qualche ora, Cristiano Ronaldo, per rompere il silenzio a seguito della pesante sconfitta della sua Juventus, battuta per 3-0 dal Barcellona nel Trofeo Gamper.

"Continuiamo a lavorare" ha scritto CR7 su Instagram, parso durante il match contro i blaugrana ancora lontano dalla condizione ottimale (per lui un solo tiro in porta e qualche momento di tensione in campo).

Dello stesso tono i post degli altri calciatori della Juve: Aaron Ramsey ha parlato infatti di una partita "sulla quale costruire", mentre capitan Giorgio Chiellini, tornato dopo la vittoria di Euro2020 e fresco di rinnovo, ha preferito concentrarsi sulle sue sensazioni personali: "Indossare questi colori è sempre un'emozione" ha scritto.

©Getty Images

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesL'Atalanta soffre, poi vince: Zapata stende la Salernitana
L'Atalanta soffre, poi vince: Zapata stende la Salernitana
©Getty ImagesInter, Joaquin Correa in clinica per accertamenti: l'esito
Inter, Joaquin Correa in clinica per accertamenti: l'esito
©Getty ImagesSerie B: Pisa capolista solitario, il Benevento stende l'Ascoli
Serie B: Pisa capolista solitario, il Benevento stende l'Ascoli
©Getty ImagesInter, Denzel Dumfries vuole mostrare il suo valore
Inter, Denzel Dumfries vuole mostrare il suo valore
©TT1Mario Balotelli in gol, l'Adana Demirspor vince
Mario Balotelli in gol, l'Adana Demirspor vince
©Getty ImagesSerie A, goleada dell'Inter contro il Bologna
Serie A, goleada dell'Inter contro il Bologna
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?