Il Chievo si cura con il freddo

Novità in casa dei 'Mussi Volanti': arriva la crioterapia sistemica.

10 Aprile 2017

Per i calciatori del ChievoVerona c'è l'opzione crioterapia sistemica: 2-3 minuti in una stanza a bassissime temperature, tra i -120°C e -130°C, aiutano a prevenire e curare gli infortuni, ridurre le infiammazioni, migliorare il benessere fisico, recuperare dall'affaticamento muscolare e trattare lesioni muscolari come contratture, strappi o contusioni.

L’esposizione al freddo avviene in assoluta sicurezza: l'azoto per il raffreddamento passa all’interno di scambiatori senza venire mai a contatto diretto con le persone trattate, eliminando il rischio di ustioni e di anossia.

La criocamera mobile è della Sapio Life. "Fino ad adesso, anche noi come tante altre realtà dello sport, abbiamo sempre utilizzato sistemi che prevedevano l’uso di vasche d’acqua fredda in cui i nostri atleti rimanevano in immersione con gli arti inferiori per qualche minuto" spiega Giuliano Corradini, responsabile sanitario del ChievoVerona.

©uff. stampa

ARTICOLI CORRELATI:

©Foto BuzziLamanna tornerà in campo tra cinque mesi
Lamanna tornerà in campo tra cinque mesi
©Getty ImagesEmpoli-Chievo sarà giocata
Empoli-Chievo sarà giocata
©SportmediasetMaurizio Pistocchi preannuncia il suo addio a Mediaset
Maurizio Pistocchi preannuncia il suo addio a Mediaset
 
Liverpool-Real Madrid 0-0, le foto
Psg-Bayern Monaco 0-1, le foto della supersfida
Ajax-Roma 1-2, le foto del colpaccio giallorosso
Juventus-Napoli 2-1, le pagelle: ci pensano CR7 e Dybala
Real Madrid-Liverpool 3-1, le foto
Torino-Juventus 2-2, le foto più belle