L'Olimpia vince a Caserta e scappa

L'EA7 espugna il PalaMaggiò.

L'EA7 Emporio Armani Milano espugna il Pala Maggiò di Caserta 74-78 al termine di una partita maschia, intensa, da playoff. I biancorossi trovano una super prestazione da Jamel McLean e Mantas Kalnietis che permettono all'Olimpia di allungare in classifica, complice il ko di tutte le dirette inseguitrici. A Caserta non bastano i 25 punti di Sosa ed i 20 con 12 rimbalzi di Watt. 

Il PalaMaggiò è caldissimo e l'energia trasmessa dal pubblico bianconero carica i padroni di casa che partono subito aggredendo la partita con il gioco da tre punti di Watt. La replica di Milano porta la firma di Kalnietis e McLean che regalano il primo vantaggio esterno di serata. La difesa di Caserta è dura, arcigna, compatta: gli uomini di Dell'Agnello tengono gli occhi fissi sul pallone, forzando un paio di palle perse di troppo e tenendo fuori ritmo l'attacco meneghino. Alla bomba di un ispiratissimo Sosa risponde quella di Mantas Kalnietis, ma il canestro del lituano è una delle poche note positive di una prima frazione chiusa sul 20-17 in cui l'EA7 perde anche Goran Dragic per un problema al ginocchio. Milano continua a sparacchiare maldestramente dal campo e la tripla di Berisha ridà 8 lunghezze di vantaggio ai padroni di casa, sicuramente più motivati e vivaci (27-19). A riportare avanti l'Olimpia ci pensa il solito Mantas Kalnietis che si carica l'intero attacco biancorosso sulle spalle, permettendo agli uomini di Repesa di andare all'intervallo lungo sul 35-37 nonostante le 11 palle perse. 

Watt apre il secondo tempo come aveva iniziato il primo ma questa volta Milano ha un altro piglio: McLean, perfetto dal campo, e la bomba di Sanders regalano il massimo vantaggio all'EA7 che costringe Dell'Agnello a chiamare timeout. La reazione dei padroni di casa è immediata e veemente: Watt fa il bello ed il cattivo tempo in attacco, mentre l'atletismo di Putney consente alla Pasta Reggia di riportarsi sul -2 che riaccende il tifo bianconero (46-48). La zona di Milano non riesce ad arginare la velocità in contropiede di Caserta che, con le triple di Sosa, rimette addirittura il naso avanti sul 54-50. L'intensità dei contatti sale con lo scorrere dei minuti e Milano sceglie di esplorare il post basso per costringere la difesa al raddoppio e punire dall'arco prima con Fontecchio e poi con Kalnietis. Quando sembrava che i biancorossi avessero ormai trovato l'abbrivo giusto, ci pensano il solito Sosa e la bomba di Giuri a riaprire ogni discorso: 68-69 a tre minuti dalla sirena. In un finale di gara concitato sono la fisicità di McLean e gli errori all'arco di Cinciarini (Daniele) e di Sosa a scrivere la parola fine. Al Pala Maggiò finisce 74-78.

In collaborazione con basketissimo.com

Kalnietis
©Getty Images

ARTICOLI CORRELATI:

Stavropoulos:
Stavropoulos: "Qualità vuole dire meno squadre in A"
Pozzecco se la prende con gli haters
Pozzecco se la prende con gli haters
Brindisi eliminata e derisa
Brindisi eliminata e derisa
Frank Vitucci non recrimina
Frank Vitucci non recrimina
Brindisi ko, addio Champions
Brindisi ko, addio Champions
Djordjevic prepara la battaglia
Djordjevic prepara la battaglia
 
Tutti in pista con Giulia Colombo
Le foto di Stefana Veljkovic
Rihanna incanta lo Stadium
Bellissime a Eicma 2019: Giorgia Capaccioli