Tokyo 2020: due ori da record per Carlotta Gilli e Francesco Bocciardo

Italia del nuoto scatenata in vasca alle Paralimpiadi.

25 Agosto 2021

Italia del nuoto scatenata in vasca alle Paralimpiadi.

Altre tre medaglie per l'Italia alle Paralimpiadi di Tokyo. Dopo il bronzo di Francesca Bettella nei 100 dorso, dalla piscina paralimpica arrivano due gioie nella finale femminile dei 100 farfalla S12: Carlotta Gilli, grande favorita e detentrice del record mondiale, trionfa con il crono di 1’02″65, nuovo primato olimpico. Splendido argento per l'altra azzurra Alessia Berra, che rimonta e precede di un soffio la russa Pikalova.

Festeggia anche Francesco Bocciardo, che vince la medaglia d'oro, con record paralimpico, nei 200 stile libero S5, bissando l'oro di Rio. Argento per lo spagnolo Bertran, bronzo per il brasiliano De Faria Dias.

In precedenza diversi quarti posti: Alessia Scortechini nei 50 stile libero s9, Stefano Raimondi nei 50 stile libero S10 e Efrem Morelli nei 50 rana SB3.

©Getty Images

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesTokyo 2020, il medagliere aggiornato al 4 settembre
Tokyo 2020, il medagliere aggiornato al 4 settembre
©Getty ImagesTokyo 2020, storico podio tutto azzurro nei 100 metri
Tokyo 2020, storico podio tutto azzurro nei 100 metri
©Getty ImagesTokyo 2020, tre azzurre in finale nei 100 metri con record
Tokyo 2020, tre azzurre in finale nei 100 metri con record
©Getty ImagesTokyo 2020, il medagliere aggiornato al 3 settembre
Tokyo 2020, il medagliere aggiornato al 3 settembre
©Getty ImagesTokyo 2020, Assunta Legnante arrabbiata per l'argento
Tokyo 2020, Assunta Legnante arrabbiata per l'argento
©Getty ImagesTokyo 2020, il medagliere aggiornato al 2 settembre
Tokyo 2020, il medagliere aggiornato al 2 settembre
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?