Il Coronavirus non ferma la Coppa Davis

"E' una fortuna che con la Corea del Sud si giochi a Cagliari" sottolinea il presidente della Federazione italiana tennis Angelo Binaghi.

26 Febbraio 2020

"La Coppa Davis a Cagliari è un evento irripetibile. E' stata una fortuna fare questa partita in Sardegna, perché se l'avessimo giocata a Torino, come pensavamo inizialmente, l'avremmo disputata a porte chiuse". Lo ha dichiarato il presidente della Federazione italiana tennis Angelo Binaghi che questa mattina nel presentare la sfida tra Italia e Corea del Sud, in programma il 6 e 7 marzo, ha parlato anche dei problemi derivanti dall'emergenza Coronavirus. "Proprio stamattina siamo stati contattati dalla federazione coreana per avere rassicurazioni sulle possibilita' di far arrivare qui atleti e staff. Non ci sarà nessun problema, anche perché si parla di professionisti che sono di nazionalità coreana ma trascorrono la maggior parte del tempo fuori dal loro Paese".

Sullo sfondo resta la preoccupazione di un precipitare della situazione e la paura di provvedimenti dell'ultima ora, anche se il numero uno della FIT esorcizza: "Non abbiamo motivo di temere le porte chiuse. Certo, non faremo il tutto esaurito anche a causa di questa psicosi. Vogliamo fare questo incontro a tutti i costi e siamo in contatto con la Federazione Internazionale per discutere di alcune norme, come alberghi separati, locali a uso esclusivo, un medico sempre a disposizione. Sono misure che hanno più un effetto psicologico che pratico, così che l'incontro si svolga nel migliore dei modi".

©Getty Images

ARTICOLI CORRELATI:

©Getty ImagesCoppa Davis, l'Italia avanza alle finali
Coppa Davis, l'Italia avanza alle finali
©Getty ImagesNadal decisivo: Coppa Davis alla Spagna
Nadal decisivo: Coppa Davis alla Spagna
©Getty ImagesPakistan-India ha una nuova sede
Pakistan-India ha una nuova sede
 
Alessia Pasqualon, la miss dei motori
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina