Un Marchese a Rio - 12 agosto 2016

12 Agosto 2016

Un Marchese a Rio. Questa la rubrica olimpica di analisi, sport, spettacolo, costume e un po' di pepe che Sportal.it offre per i Giochi Olimpici dal 5 al 21 agosto. L'ospite è Cino Marchese,  personaggio dello sport a più facce e unico:  competenza, conoscenza tecnica, passione, esperienza internazionale, successi organizzativi, manager di marketing e comunicazione. E anche solide amicizie personali  con i grandi campioni. 

Incomincia la carriera di manager sportivo dirigendo l’ufficio italiano di IMG di Mark Mc Cormack per circa 20 anni. In seguito consulente e advisor di molte aziende e organizzazioni operanti nello sport, oggi attivo soprattutto nella impiantistica sportiva. Ha seguito molti personaggi dello sport come Alberto Tomba, Paolo Rossi, Roberto Baggio, Deborah Compagnoni, Martina Navratilova, Monika Seles e molti altri grandi campioni. Collabora con diverse strutture universitarie e docente in diversi Master multilingue di formazione.

- Phelps ha conquistato la sua quarta medaglia d'oro a Rio, 22 totali con i 200 misti, gli restano oggi i 100 farfalla e sabato la4x100 mista:
ritiratosi dopo Londra,  aveva sbroccato con l'alcol, senz'altro meglio l'acqua...  di questo fenomeno è più importante il suo fisico, o il team che lo gestisce.

"Di Phelps abbiamo già detto in lungo ed in largo e ormai stupirebbe solo quando non vince. Si tratta di un vero e proprio fenomeno della storia dello sport e non solo del nuoto. Ritengo che sia più dovuto a delle qualità straordinarie del suo fisico, ma è chiaro che è gestito bene".

- Il campione di Baltimora ha trovato equilibrio nel matrimonio e la nascita del bambino, sarà così anche Fabio Fognini che aveva in pugno nienteopodimeno che Andy Murray venendo eliminato dopo una gara tortuosa?

"Voglio sperare che anche Fabio trovi quegli equilibri che fin qui ha ampiamente dimostrato di non avere. Andiamo piano però con dei paragoni con Phelps. Fabio è un bravissimo ragazzo, simpatico ed estroverso ed è un buonissimo giocatore, ma non un fuoriclasse perché per esserlo bisogna sapere gestire anche le proprie emozioni ed i momenti di difficoltà che arrivano quando meno te lo aspetti. Ieri per esempio è stato molto bravo a gestire le frenesie del suo avversario, ma sul più bello quando era necessario gestire le sue, è uscito letteralmente dal campo".

- Cerchiamo di analizzare quali sono  le  criticità del "Fogna", sarà possibile eliminarle e come?.

"Conosco Fabio da quando ha incominciato a giocare. Conosco molto bene il padre Fulvio ed il suo manager, che è fin dall'inizio Andrea Gaudenzi, mio ex cliente e figlio di miei amici. Andrea conosce perfettamente il problema e con esperienza e capacità ha cercato di correggere certe sue attitudini e mi ha confessato più di una volta che non ha mai ottenuto niente. Il suo allenatore , Josè Perlas, è uno dei migliori in circolazione ed anche lui ha provato a modificare certi aspetti negativi di Fabio, ma anche lui non è riuscito. Pertanto teniamoci Fognini così come è e speriamo che sua moglie Flavia riesca ad ottenere quei risultati che gli altri non sono stati capaci. Una cosa è certa che Flavia ci proverà".

- Non era una bella idea fare il doppio-misto con la moglie Flavia Penetta, la sua Federazione ci ha provato?

"Non penso che sarebbe stata una buona idea. Vuoi mettere subito a rischio il loro matrimonio?"

- E se Binaghi mettesse la Pennetta al posto di Barazzutti?

"Non mi interessa cosa fa Binaghi. Non credo anche che Flavia ambisca a quel posto. La situazione poi dei giovani nel tennis Italiano non è assolutamente incoraggiante e visti ormai prossimi i ritiri di Vinci e Schiavone, la rottura con la Giorgi e l'usura di Errani e Knapp, si intravedono solo nubi nere all'orizzonte".

- Simone Biles 19enne texana con i suoi 145 centimetri è la regina nera della ginnastica, non fosse un concentrato di muscoli potrebbe sembrare un elfo con doti magiche. Suscita simpatia, chi l'avrebbe detto che un giorno la ginnastica sarebbe stata dominata dalle americane e avrebbe trovato il suo punto massimo in un' artista di colore, risultato propagandistico di immenso significato?. E non venuto il tempo ormai che successa anche nel nuoto?

"La Biles non nasce dal nulla ed una saggia programmazione è stata fatta in passato. E' stata forgiata da Marta e Bela Karoly leggendaria coppia ungaro-rumeno della ginnastica che ha prodotto 9 campioni  olimpico. I neri si sa sono atleti formidabili ed hanno a mio avviso ancora dei margini di crescita enormi. Nel nuoto superate tutte quelle favole legate al cattivo galleggiamento della loro razza, mi sembra di avere visto un certo movimento al riguardo".

- Arriva l'atletica, senza Tamberi piove sul bagnato, perchè siamo scesi così in basso?

"Tamberi non sarebbe stata la soluzione di tutti i mali dell'atletica. Il problema sta a mio avviso nella propaganda e nell'avviamento allo sport nelle scuole. Se il nuoto in qualche maniera questo problema lo ha risolto, l'atletica non lo ha nemmeno sfiorato. Si è lasciato tutto al caso e la crisi dei Gruppi Sportivi Militari, la globalizzazione che ha spinto a "comprare" atleti già fatti e molta ignoranza sportiva hanno chiuso il cerchio e ci troviamo con una situazione drammatica e senza vie d'uscita".

- Anche la boxe azzurra non è più quella di una volta, non è spuntato nessun nome nuovo e Clemente Russo ha giocato per quattro anni a sfruttare il suo personaggio invece di dotarsi di un pugno di pietra e menato da un russo a Rio ha dato la colpa agli arbitri.

"La boxe è in crisi in tutto il mondo perché a stare su di un ring a prendersi botte non è una prospettiva attraente per cui secondo me sarà sempre peggio non solo in Italia, ma in tutto il mondo. Clemente Russo ha cercato di capitalizzare il niente e non essendo possibile se la è presa con gli arbitri, tipico atteggiamento becero ereditato dal calcio".

- Il Setterosa ha battuto anche l'Australia, fra pallanuoto e volley arriverà una medaglia a squadre femminile?

"Setterosa e volley maschile hanno certamente una buona possibilità. Le ragazze del Setterosa mi hanno davvero impressionato per determinazione e grinta".

- Dov'è mai finito Magnini dopo il suo giorno nero e la delusione della sua amata?. Su Instagram è comparsa una foto nella quale la  bacia (sulla guancia) con questa bella frase "Sei unica!" ma si tratta di uno scatto del giorno dell'apertura dei Giochi, su questa coppia c'è un'attenzione mediatica come per i rampolli della famiglia reale inglese e il silenzio non piace.

"Indubbiamente per Magnini si tratta di una tristissima Olimpiade. Lui al tramonto per sopraggiunta anzianità, la sua amata al vertice della delusione e del dubbio sul ritiro. Combinare questi sentimenti non credo sia facile. Per la coppia più bella del mondo affrontare il fatto di non essere più al centro dell'attenzione non dico sia una tragedia, ma  si tratta di una situazione nuova e bisogna sapersi adattare".

- Il golf è tornato alle Olimpiadi dopo 112 anni con molte defezioni, il torneo  non vale  forse uno dei primi 20 dei due maggiori tour, i migliori americani  sono "soltanto Watson e Fowler" già  partiti male, più qualificata invece la partecipazione europea con Stenson, Garcia, Rose e Kaymer,  per gli italiani Manassero, ripescato per la rinuncia di Francesco Molinari, 11° nel primo giro, l'altro azzurro è Nino Bertasio.

"Il Golf fa il paio con il tennis. Si tratta di un torneo minore e che non è nelle priorità dei migliori giocatori. Forse con il tempo le cose possono cambiare, ma pretendere tutto e subito era non realistico. Manassero, discreto, ma ci vuole altro per il suo rilancio che non è impossibile".

- Cosa è successo a Matteo Manassero, giovanissimo ha vinto in Inghilterra il maggior torneo del calendario europeo dopo l'Open, è diventato il n.1 della classifica e poi è sparito.

"Al suo debutto ha suscitato degli entusiasmi e delle aspettative fuori dal comune. Questi fatti gli hanno creato ansia e molto nervosismo. Matteo è gestito dalla IMG, i migliori, ed il suo manager Guy Kinnings ha la massima mia stima per cui ha tutte le carte in regola per riprendersi. Bisogna però avere pazienza e non usare gli atleti per secondi fini".

- Nonostante il suo sbandierato riformismo, per lo sport Renzi si è allineato ai predecessori e si continua con una legge del 1942 che riconosce al CONI la delega di gestione dello sport italiano; la sua presenza in prima persona ai Giochi ha forse il significato di un'esplorazione per rendersi conto di cosa occorre per uscire da un'anomalia ormai troppo spostata verso il professionismo?

"Renzi non ha capito nulla dello sport e fa degli errori a più riprese. Sono sempre stato in suo favore, oggi un po’ meno, e a suo tempo sono andato a Firenze per fargli giungere un messaggio che se la sua volontà di rottamazione della politica tradizionale era non solo legittima , ma necessaria, per lo sport era ancor più necessario rottamare il sistema che lo reggeva. Se adesso si fosse reso conto che è ora di cambiare e optasse per un CONI diverso e per il Ministero dello sport certamente Malagò sarebbe il candidato più credibile, ma è necessario cambiare marcia e liberarsi dei burocrati".

- Recentemente durante un'assemblea al Senato Michelino Davigo, ex sottosegretario agli Interni e sportman, ha rilanciato la proposta di un Ministero dello Sport affermando che il CONI dovrebbe solo occuparsi dell'attività olimpica, della partecipazione dell'immagine, e non più la  gestione dello sport essendo lo sport di base completamente sostenuto dalle famiglie, lo sport giovanile trascurato e abbandonato e tocca allo stato il compito la redistribuzione territoriale di strutture e risorse economiche, prevenzione, impiantistica, scuola.

"Non credo nelle schermaglie parlamentari. Si riducono sempre ad uno scontro fra opposte fazioni. In questo caso è necessario mettersi tutti d'accordo e cercare di introdurre dei concetti che vanno nell'interesse di tutti. È necessario però che ci sia armonia e costruttività che oggi non si sa cosa sia".

- Fra Renzi e Malagò è nato un sodalizio forte: è un matrimonio d'interessi o Giovanni potrebbe essere questo Ministro dello Sport, specie se andrà in porto l'operazione Roma 2024?

"I due si sono piaciuti fin dal primo momento. Non so però quanta armonia ci sia veramente. Indubbiamente fa comodo ad entrambi essere amici. Bisogna vedere quando subentreranno qualche criticità cosa succede. Si lo ho già detto Malagò: può essere un buon Ministro dello sport".

- Parliamo del supporto giornalistico alle gare, rispetto alle migliori emittenti mondiali qual è la qualità Ra?. Quale è il livello dei telecronisti e degli analisti, c'è qualche piacevole sorpresa fra questi ultimi o campioni o personaggi dell'ambiente?.

"La RAI a mio avviso fa un pessimo lavoro. Non dà informazioni, non suggerisce questa o quella gara. Devi andare tu alla ventura con il telecomando. I telecronisti sono spesso fuori posto e gli analisti altrettanto. Mi è piaciuto Igor Cassina e Luca Sacchi è corretto. I notiziari sono mal fatti e mal condotti e soprattutto non danno quelle informazioni di cui il telespettatore ha bisogno".

- Perchè la Rai segue pochissimo il torneo di basket che pure in assoluto è quello del maggior livello fra gli sport di squadra?

"Non segue il basket perché non c'è l'Italia e perché non ha cultura cestistica".

- A proposito, l'Australia si è rivelato un osso duro per il surrogato del Dream Team sotto all'intervallo e non ha superato per la prima volta i 100 punti.

"L'Australia non è una sorpresa. Ha dei giocatori eccellenti nei ruoli ed hanno tutti una esperienza NBA. Gli USA sono una ottima squadra e non sono un surrogato".

- Con la sua squadra nel guano ci ha pensato con 9 bombe su 15 e 31 punti Carmelo Anthony, top scorer  di sempre della nazionale USA  e il primo a vincere 3 ori se tutto fila liscio per la formazione di "Coach K". Personaggio controverso, Superbone, come chiamo "Melo", è la star dei Knicks che regolarmente non arriva ai playoff dai tempi in cui New York sacrificò Gallinari  credendo di poter vincere il titolo.

"Ovvio che è una squadra con poco affiatamento che anche un maestro come "Coach K" fa fatica ad assemblare, sarà però sempre meglio e vincerà a mani basse".

- La prima sicura qualificata  nel Girone B è la Lituania avendo strabattuto (51 rimbalzi contro 29!) l'Argentina vincitore di Atene 2004 con un trio di ragazzi che nn arriva a 70 anni, cioè Valanciunas, Sabonis e Kuzminskas il top scorer della gara con 23 punti.

"La Lituania è la vera sorpresa. I suoi giovani sono formidabili ed i vecchi si integrano bene. Gli argentini sono frusti ormai".

- Come volevasi dimostrare, vinto il preolimipico di Torino la Croazia battuta la Spagna ha vinto nella notte anche col Brasile e se liquida la modesta Nigeria è fra le prime quattro quando potevamo esserci noi con un pò di umiltà e carattere.

"La differenza fra noi e loro è proprio lì. Umiltà e carattere che noi abbiamo solo a parole. Poi lo sport ha delle leggi incontrovertibili e a tutto quello che succede c'è un perché".

- Secondo le previsioni,  a due turni dal termine delle qualificazioni, nel Girone B rischiano di stare fuori dalle prime quattro o Brasile o Spagna che nella notte ha battuto con difficoltà la Nigeria: questi paesi  hanno un totale di 19 giocatori nella NBA il che dimostra la debolezza del "paradigma Petrucci" secondo il quale eravamo i migliori con 4 giocatori NBA e Messina allenatore NBA.

"Le regole ci sono e devono essere rispettate anche quelle ingiuste. Non si va da nessuna parte con i proclami e si rischia solo di fare delle brutte figure".

- La FIBA ha ammesso d'ufficio le nazionali brasiliane al torneo olimpico, formula  promozionale  sbagliata e superata.

"No. Ritengo,anche se si tratta di consuetudini del passato, sia giusto. Per la promozione e la propaganda è giusto che ci sia la Nazionale di casa".

- Per la prossima edizione (Tokio) il vincitore dei Giochi  del  torneo di basket, nell'ambito di una rivoluzione dell'attività internazionale per lanciare la World Cup 2019  in Cina  come evento bandiera del pianeta, dovrà qualificarsi nel corso del quadriennio, per cui la NBA non concederà i propri giocatori, e questo vale anche per gli italiani e il torneo di basket diventerà come quello del calcio.

"Queste sono le regole del professionismo ed è impossibile andarci contro. Lo spirito "Decoubertiniano" appartiene al passato in questi casi ed ha sempre ragione chi paga, del resto questo è già successo nel calcio per cui......."

- Il piccolo arcipelago della Fiji ha vinto l'oro del rugby a sette contro i maestri inglesi, il mondo gira alla rovescia?

"Il rugby a sette è un surrogato bello e buono e quindi non conta".

- Medagliere: col bronzo del "2 Senza" campano Abbagnale-Di Costanzo, 12 medaglie, significa a 9 giorni dalla chiusura essere al 7° posto per medaglie e in Europa dietro soltanto a Russia (19) e Gran Bretagna (16), uale era la prevision della vigilia su giornali e del CONI?.

"Erano più o meno le previsioni. Solo che in fase di previsione tutti hanno paura di sbagliare e per cui si tengono abbottonati".

A cura di ENRICO CAMPANA

©

ULTIME NOTIZIE:

©Per Valentino Rossi c'è posto anche su Luna Rossa
Per Valentino Rossi c'è posto anche su Luna Rossa
©Valentino Rossi, la rivelazione della 'Iena' Matteo Viviani
Valentino Rossi, la rivelazione della 'Iena' Matteo Viviani
©Valentino Rossi: arriva una frecciata dal padre di Jorge Lorenzo
Valentino Rossi: arriva una frecciata dal padre di Jorge Lorenzo
©Valentino Rossi, Max Biaggi è sicuro:
Valentino Rossi, Max Biaggi è sicuro: "Per me era più dura"
©Jorge Lorenzo, il bel messaggio a Valentino Rossi
Jorge Lorenzo, il bel messaggio a Valentino Rossi
©Valentino Rossi, tre assenze di lusso alla 100 km: ecco perché
Valentino Rossi, tre assenze di lusso alla 100 km: ecco perché
 
Salernitana-Juventus 0-2, le pagelle
Milan-Sassuolo 1-3, le pagelle
Juventus-Atalanta 0-1, le pagelle
Atletico Madrid-Milan 0-1, le pagelle
Fiorentina-Milan 4-3, le pagelle
Lazio-Juventus 0-2, le pagelle
Vidal, ma cosa combini? Le foto: è andata bene
Melanie Leupolz, l'incantevole calciatrice del Chelsea. Le foto