MotoGp, in arrivo la rivoluzione: "Niente tabù"

Il Motomondiale si appresta a vivere la sua stagione più anomala.

Il presidente della Fim, Jorge Viegas, in un'intervista a Motorsport ha spiegato le strategie della Federazione per salvare il Motomondiale, travolto dall'emergenza Coronavirus che ha costretto lo stop dei primi quattro appuntamenti della MotoGp: "Non voglio drammatizzare ulteriormente. Non sono un virologo; non spetta a me dire cosa può o cosa accadrà in futuro. Presiedo una Federazione sportiva, che gestisce anche altre attività motociclistiche. Il nostro obiettivo è essere in grado di proseguire tutte le nostre attività".

"Seguiremo sempre le indicazioni dei governi e dell’Organizzazione mondiale della sanità. Riconosciamo che la diffusione della malattia deve essere fermata. Purtroppo, ora esiste uno stato di panico generale. E il peggior pericolo è questo: isteria collettiva".

I calendari cambieranno radicalmente: "Si correrà anche in inverno se necessario. Se diversi altri eventi saranno annullati e se dovremo riprendere a correre molto più tardi, faremo il possibile per mantenere dei campionati degni di questo nome. Se è necessario, andremo fino a gennaio 2021. Per noi, non è un tabù".

La priorità non sarà data alla MotoGp rispetto a Superbike o Motocross: "Le cose non sono in conflitto tra i nostri diversi campionati, che rappresentano la grande diversità del nostro sport. In tutte le attività umane, le gerarchie sono create dal pubblico, questo è anche il nostro caso".

valentino rossi

ARTICOLI CORRELATI:

Petrucci sbotta su Miller
Petrucci sbotta su Miller
MotoGp, cancellati altri due Gran Premi
MotoGp, cancellati altri due Gran Premi
Ufficiale, Jack Miller alla Ducati nel 2021
Ufficiale, Jack Miller alla Ducati nel 2021
 
Karina Cascella sempre più sexy
Sara Croce, le foto sono irresistibili
Le foto di Alessia Macari
Le foto di Ilenia De Sena