Rivoluzione in F1: spettacolo mozzafiato in qualifica

24 Febbraio 2016

È diventato uso comune lamentarsi dello spettacolo calato in Formula 1 da quando il numero dei sorpassi è sensibilmente calato e la tecnologia ha cambiato la guida del pilota.

Ma lo Strategy Group, di concerto con la Commissione del circus, ha messo a punto una modifica al regolamento delle qualifiche che sicuramente regalerà spettacolo sui circuiti del Mondiale.

Come funzionerà?

In Q1 partono subito tutte le 22 vetture e non ci sarà un attimo di tregua perché dopo 7 minuti il peggiore verrà eliminato. E da lì lo stesso provvedimento verrà preso ogni 90 secondi fino a che in gara rimangano solo 15 piloti.

15 piloti che hanno diritto ad accedere al Q2. Anche qui bisogna subito dare il massimo perché dopo 6 minuti si ricomincia con il taglio del peggiore. Eliminazione dopo eliminazione, sempre ogni minuto e mezzo, dopo 15 minuti totali saranno rimasti solo in 8.

Questi ultimi si giocheranno tutto al Q3, che durerà 14 minuti complessivi. Qui i tagli inizieranno dopo 5 giri di lancette e alla fine saranno solamente i due piloti migliori, in un entusiasmante testa a testa, a disputarsi la tanto agognata pole position.

Le modifiche - anzi, la rivoluzione - nel regolamento verranno ratificate il prossimo 4 marzo al Consiglio Mondiale. Già nel Gran Premio d’Australia, il primo della nuova stagione, a Melbourne il 20 marzo.

©

ARTICOLI CORRELATI:

©George Russell si scusa: il messaggio di Lewis Hamilton
George Russell si scusa: il messaggio di Lewis Hamilton
©F1: George Russell si è pentito, ma Valtteri Bottas è furioso
F1: George Russell si è pentito, ma Valtteri Bottas è furioso
©Mercedes, Toto Wolff bacchetta George Russell
Mercedes, Toto Wolff bacchetta George Russell
 
Milan-Genoa 2-1, le pagelle: la decide un autogol di Scamacca
Europa League: Roma-Ajax 1-1, le foto
Liverpool-Real Madrid 0-0, le foto
Psg-Bayern Monaco 0-1, le foto della supersfida
Ajax-Roma 1-2, le foto del colpaccio giallorosso
Juventus-Napoli 2-1, le pagelle: ci pensano CR7 e Dybala