F1, Michael Masi al contrattacco dopo il caos

"Anche le squadre erano d'accordo e non c'era la possibilità di rinviare la gara" ha precisato.

30 Agosto 2021

Michael Masi contrattacca

Michael Masi, finito nell’occhio del ciclone per la gestione del Gran premio del Belgio, è tornato sul tema.

"E’ stata una lunga giornata. Il meteo è peggiorato domenica, ma le condizioni non sono state particolarmente buone per tutto il fine settimana. Il meteo ha avuto la meglio" ha precisato a Formula1.com.

“Siamo rimasti in costante contatto con il nostro partner meteorologico: abbiamo l’obbligo di dare un avviso di 10 minuti a tutti quindi abbiamo cercato di trovare la giusta finestra e anche le squadre erano d’accordo - ha aggiunto il direttore di gara australiano -. Non c’era la possibilità di rinviare la gara. La sicurezza è fondamentale per piloti, team e spettatori. Ovviamente è stato deludente non raggiungere la distanza completa. Abbiamo fatto del nostro meglio per darci tutte le opportunità, ma perlomeno abbiamo ottenuto qualcosa”.

©Getty Images

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesF1, Toto Wolff chiarisce su Max Verstappen
F1, Toto Wolff chiarisce su Max Verstappen
©Cristian LovatiF1: Lewis Hamilton, altra bordata a Max Verstappen
F1: Lewis Hamilton, altra bordata a Max Verstappen
©Cristian LovatiUn colpo di Clarkson avvisa Lewis Hamilton e Max Verstappen
Un colpo di Clarkson avvisa Lewis Hamilton e Max Verstappen
©Cristian LovatiF1, Helmut Marko dice no a Pierre Gasly
F1, Helmut Marko dice no a Pierre Gasly
©Cristian LovatiSebastian Vettel rompe gli indugi sul 2022
Sebastian Vettel rompe gli indugi sul 2022
©Getty ImagesF1: Ferrari, Charles Leclerc spiazza tutti su Hamilton e Verstappen
F1: Ferrari, Charles Leclerc spiazza tutti su Hamilton e Verstappen
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?