Il ciclismo non è uno sport come gli altri

Michele Scarponi è morto alle 8 del mattino, in un sabato nel quale la stragrande maggioranza degli italiani (sportivi professionisti compresi) era ancora a dormire. Mentre lui si allenava.

22 Aprile 2017

Il ciclismo non è uno sport come gli altri. Lo sa bene chi lo pratica a livello professionistico ma anche chi, per puro diletto, esce ogni tanto per fare una sgambata insieme agli amici.

Da oggi, forse, se ne renderà conto chi, troppo spesso, punta l’indice verso una disciplina non priva di lati oscuri - va riconosciuto - e che però non sono prerogativa del ciclismo soltanto. Anzi. Tutt’altro.

Quando vieni a sapere che un campione - perché Michele Scarponi era tale - è morto alle 8 del mattino di un sabato come tanti altri, un sabato nel quale la stragrande maggioranza degli italiani (sportivi professionisti compresi) era ancora a dormire, mentre lui era a faticare per preparare al meglio il Giro d’Italia, non puoi fare finta di non capire che il ciclismo non è uno sport come gli altri. E che mai lo sarà.

 

©Getty Images

ARTICOLI CORRELATI:

©Getty ImagesMonica Bandini morta all'improvviso, ciclismo sotto choc
Monica Bandini morta all'improvviso, ciclismo sotto choc
©Getty ImagesGianni Moscon rinasce al Tour of the Alps
Gianni Moscon rinasce al Tour of the Alps
©Getty ImagesGiro di Turchia: a Cavendish l'ultima tappa, a Diaz il titolo
Giro di Turchia: a Cavendish l'ultima tappa, a Diaz il titolo
 
Milan-Genoa 2-1, le pagelle: la decide un autogol di Scamacca
Europa League: Roma-Ajax 1-1, le foto
Liverpool-Real Madrid 0-0, le foto
Psg-Bayern Monaco 0-1, le foto della supersfida
Ajax-Roma 1-2, le foto del colpaccio giallorosso
Juventus-Napoli 2-1, le pagelle: ci pensano CR7 e Dybala