Fiorentina, due ipotesi per il futuro di Franck Ribery

Il campione francese e il club viola sembrano essere vicini ai saluti finali: resta in piedi la suggestione Monza, si parla anche di un ritorno in Bundesliga.

9 Marzo 2021

Per il campione francese si parla di un approdo al Monza o di un ritorno in Bundesliga.

Era arrivato alla Fiorentina con aspettative enormi, ma dopo un buon inizio è prima stato vittima di una serie di infortuni, poi si è ritrovato invischiato nell'infinita crisi d'identità della squadra ora allenata da Cesare Prandelli. Non le migliori condizioni, quindi, per immaginare un futuro ancora in viola per Franck Ribery, che secondo quanto riportato da 'La Gazzetta dello Sport' avrebbe ormai deciso di non prolungare il contratto in scadenza il prossimo 30 giugno.

Sono due, secondo la 'Rosea', le opzioni che il campione francese starebbe valutando: la prima è quella di un approdo al Monza, in cui gioca il suo amico Kevin-Prince Boateng. D'altra parte l'ad dei brianzoli, Adriano Galliani, non ha smentito un possibile assalto, in caso di promozione. ("Se A sarà ci penseremo questa estate a Ribery", ha dichiarato pochi giorni fa a Teleradiostereo).

L'altra opzione riguarda invece un possibile ritorno in Bundesliga: Ribery ha giocato per 12 stagioni nel Bayern Monaco, conosce come le sue tasche il campionato tedesco e in Germania gode di estimatori a tutte le latitudini.

©Getty Images

ARTICOLI CORRELATI:

©Getty ImagesZamparini, nuovo retroscena su Paulo Dybala
Zamparini, nuovo retroscena su Paulo Dybala
©Getty ImagesIl Bayern prende la palla al balzo con Klopp
Il Bayern prende la palla al balzo con Klopp
©Getty ImagesOfferta da 100 milioni per Lukaku: la risposta dell'Inter
Offerta da 100 milioni per Lukaku: la risposta dell'Inter
 
Milan-Genoa 2-1, le pagelle: la decide un autogol di Scamacca
Europa League: Roma-Ajax 1-1, le foto
Liverpool-Real Madrid 0-0, le foto
Psg-Bayern Monaco 0-1, le foto della supersfida
Ajax-Roma 1-2, le foto del colpaccio giallorosso
Juventus-Napoli 2-1, le pagelle: ci pensano CR7 e Dybala