Tare: "20-30 persone danneggiano tutti"

13 Marzo 2016

Il direttore sportivo della Lazio Igli Tare ai microfoni di Premium commenta così l'apertura di un'inchiesta nei confronti della Lazio dopo i cori razzisti in Europa League: "Dobbiamo stare attenti, non è la prima volta che succedono episodi di questo tipo. Siamo totalmente contrari a questi atteggiamenti perché danneggiano tantissimo l’immagine della società e della tifoseria: ci sono 20-30 persone che ti fanno fare brutta figura in giro per l’Europa".
 
"Aspetteremo il 23 marzo cosa verrà deciso, parlare adesso di squalificare il campo è prematuro. L’Europa League primo obiettivo di questo finale di stagione? E’ un obiettivo importante per raggiungere l’Europa anche l’anno prossimo. Sarà difficile arrivare in fondo però a Praga abbiamo speso tanto e oggi abbiamo deciso di far riposare i titolari in vista della gara di ritorno".
©

ULTIME NOTIZIE:

©Stefano Pioli guarda il calendario e sprona i suoi
Stefano Pioli guarda il calendario e sprona i suoi
©PSG felice, 700 milioni di euro grazie a Lionel Messi
PSG felice, 700 milioni di euro grazie a Lionel Messi
©Monza, Silvio Berlusconi mette i puntini sulle 'i'
Monza, Silvio Berlusconi mette i puntini sulle 'i'
©AlbinoLeffe, Giuseppe Biava è il nuovo allenatore
AlbinoLeffe, Giuseppe Biava è il nuovo allenatore
©Calendario serie A, già ad agosto derby possibili
Calendario serie A, già ad agosto derby possibili
©Hellas Verona, grande attesa per 'The night'
Hellas Verona, grande attesa per 'The night'
 
Milan, le date dei quindici incontri più duri del prossimo campionato
Roma, le date dei quindici incontri più duri del prossimo campionato
Inter, le date dei quindici incontri più duri del prossimo campionato
Napoli, le date dei quindici incontri più duri del prossimo campionato
Juventus, le date dei quindici incontri più duri del prossimo campionato
Aleksandar Kolarov e gli altri: i calciatori che si sono ritirati in questa stagione
Germania-Italia 5-2, le pagelle
Calciomercato: la Roma mette a segno in primo colpo, ecco le foto