Scontro Serie A-Governo: fissata la deadline prima del crollo

I club in rivolta contro Spadafora, a rischio la rata delle pay tv.

Serie A in rivolta contro il Governo dopo l'ultimo decreto del Presidente del Consiglio dei ministri che non fa chiarezza sulla ripresa degli allenamenti. I club della massima divisione sono fortemente delusi per la mancanza di una indicazione precisa di una data di ripartenza, e considerano il 14 giugno l'ultima data utile per far ripartire il campionato: sono necessari quindi almeno 4 settimane per rimettere in condizione i giocatori dopo mesi di stop, a rischio c'è la tenuta fisica degli atleti.

Fonti della Lega, sottolinea l'Ansa, sottolineano che al Governo erano state chieste due date, quella per la ripartenza degli allenamenti e quella per il campionato, e che è stato quindi disatteso  un accordo politico raggiunto nei giorni scorsi.

Stupore e sconcerto anche per le parole del ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, che ha giudicato il protocollo varato dalla Figc come insufficiente e ha messo ancora in forte dubbio la ripresa del campionato. Si teme inoltre che non arrivi l'ultima rata dei pagamenti delle pay-tv, prevista per il primo maggio, ed è possibile uno scontro legale.

Scintille anche tra i vertici delle istituzioni: Gravina e Malagò sono ai ferri corti. Secondo i club se non si riparte potrebbe crollare l'intero sistema, con effetti devastanti per tutto lo sport e per l'economia del Paese.

ronaldo, lazio

ARTICOLI CORRELATI:

Simy avvicina il Crotone alla A
Simy avvicina il Crotone alla A
Juventus, Sarri si scaglia contro l'orario
Juventus, Sarri si scaglia contro l'orario
Giacomelli può lasciare Vicenza
Giacomelli può lasciare Vicenza
 
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina
Cintia Doroni: la bellissima Dottoressa