Ninkovic se ne va in Serbia, furia Ascoli

Il fantasista serbo non rispetta le disposizioni sull'auto-isolamento, il club marchigiano non la prende bene.

Anche ai tempi del Coronavirus Nikola Ninkovic fa parlare di sè. Il fantasista serbo dell'Ascoli, già protagonista in stagione di alcuni episodi che avevano indispettito la società marchigiana, è infatti tornato in patria per ricongiungersi alla propria famiglia, ignorando le disposizioni sull'auto-isolamento in vigore per contenere la diffusione del virus Covid-19.

L'interessato ha però smentito attraverso il sito dell'Ascoli: "Sono con la mia famiglia, non e' successo assolutamente nulla di quanto riportato dai media. Sono a casa per il periodo di quarantena necessaria per chi rientra dall'Italia" ha tagliato corto l'ex di Genoa ed Empoli.

Sempre attraverso una nota l'Ascoli ha preso le distanze dal comportamento del proprio tesserato: "In merito alla presunta notizia, rimbalzata da Belgrado su possibili denunce delle autorità serbe a carico di Nikola Ninkovic per aver ignorato le disposizioni sull’auto-isolamento in vigore in quel Paese, l’Ascoli Calcio 1898 FC SpA sottolinea come in data 11 marzo 2020 abbia fornito precise indicazioni a tutti i propri tesserati in merito ai comportamenti da tenere in questo periodo di forzosa inattività. Comportamenti che richiamano alle disposizioni delle autorità pubbliche e sportive nell’ottica del contenimento della diffusione del Virus Covid 19”. 

 

Ninkovic

ARTICOLI CORRELATI:

Coronavirus, migliorano le condizioni di Rüstü
Coronavirus, migliorano le condizioni di Rüstü
Ciccio Graziani lancia un appello ai tedeschi
Ciccio Graziani lancia un appello ai tedeschi
Corrado spinge per giugno e luglio
Corrado spinge per giugno e luglio
 
Le foto della figlia di Hulk Hogan
Le foto di Bianca Gascoigne
Diletta Leotta colpisce ancora
Cecilia Rodriguez, bellezza argentina