La Feralpi lancia un appello alla Serie A

Il presidente Pasini si rivolge ai colleghi: "Come si può pensare di riprendere a giocare?".

L'Assemblea telematica dei club di Serie C è stata "drammatica", per usare le parole del presidente Francesco Ghirelli. L'ultimo campionato professionistico d'Italia potrebbe risentire più degli altri della crisi economica post Coronavirus, sia che si porti a termine la stagione, sia che si decida di interromperla.

Tagli e sacrifici sono alle viste, ma mentre in generale regna l'incertezza, ferma è la posizione del presidente della FeralpiSalò Giuseppe Pasini, che ha rivolto un sentito appello alla categoria e a tutti i presidenti delle altre serie affinché si decida di non riprendere a giocare:

"Brescia oggi è la seconda città più colpita a livello nazionale, oggi abbiamo avuto circa 1.500 decessi e siamo in grande emergenza sanitaria. 

Oggi il decreto impone la chiusura fino al 13 aprile ma vi posso confermare che non è detto che non si estenda anche oltre. Rappresento industriali di Brescia e stiamo facendo mappature e stabilendo ferree procedure per far rientrare dipendenti nelle aziende. A fronte di tutto ciò non riesco a comprendere come si possa pensare di riprendere il campionato. 

Non è solo  una questione etica, ma non ci sono le possibilità di riprendere. Se devo tenere dipendenti a un metro di distanza come si può pensare a giocare quando il contatto fisico è continuo? Come facciamo quindi a far ripartire il tutto con prevenzioni sanitarie idonee? Credo che qualcuno non si renda conto della situazione. Venite a Brescia a vedere cosa sta succedendo: il 70% delle nostre aziende è chiuso, abbiamo più di 30mila lavoratori in cassa integrazione. 

Come possiamo oggi pensare di far riprende il campionato. Non è solo etica, non  ci sono le condizioni per farlo. Mi rivolgo anche ai presidenti di Serie A con fior fior di aziende: come possono pensare di poter prendere così sotto gamba una situazione drammatica che sta vivendo il nostro paese ? 

Lo stop creerà non pochi problemi, soprattutto a livello contrattuale con i calciatori. Sappiamo che la cassa integrazione copre fino a 50mila euro lordi ma sappiamo anche che solo un certo numero di professionisti entra in quella soglia, altri guadagnano di più.

Serve assolutamente quindi un accordo con l’AIC e sappiamo che dobbiamo fare dei sacrifici , li facciamo noi presidenti, li fanno i dipendenti fermi a casa in cassa integrazione e li dovranno fare anche icalciatori, i direttori e tutto il mondo del calcio (...) Secondo me è giusto chiudere dando le promozioni d'ufficio a chi è in testa e bloccare le retrocessioni (...) Vogliamo ripartire tutti insieme. In sicurezza".
 

calcio, generica, pallone, bandierina, porta

ARTICOLI CORRELATI:

Ascoli, nuovo scontro tra Pulcinelli e Ardemagni
Ascoli, nuovo scontro tra Pulcinelli e Ardemagni
Cristian Ledesma spinge la Lazio
Cristian Ledesma spinge la Lazio
Coronavirus, il Torino comunica una decisione
Coronavirus, il Torino comunica una decisione
 
Karina Cascella sempre più sexy
Sara Croce, le foto sono irresistibili
Le foto di Alessia Macari
Le foto di Ilenia De Sena