Eder a muso duro contro le polemiche

10 Giugno 2016

Se l’Europeo si fosse giocato 6 mesi fa, la prima maglia che Antonio Conte avrebbe assegnato sarebbe stata per Eder. L’ex attaccante della Sampdoria, naturalizzato proprio durante i primi passi del nuovo corso azzurro, è stato tra i protagonisti indiscussi del girone di andata, prima di eclissarsi dopo il trasferimento all’Inter.
 
Appena un gol, all’Udinese, e tante prestazioni sottotono, al punto di rischiare di perdere il posto da titolare in azzurro, ma non la convocazione, mai stata in discussione per Conte.
 
Dal ritiro di Montpellier, l’italo-brasiliano ha rivendicato con forza i propri “diritti” meritati sul campo: "Non ho niente da dimostrare a nessuno, se non a Conte, ma so di avere la sua fiducia. Se sono qui non è per quello che ho fatto nei tre mesi all'Inter, ma per quanto fatto negli ultimi 4 anni. Sono in Nazionale da un anno e mezzo e ho dato il mio contributo per la qualificazione all'Europeo".
 
Eder ha poi allontanato i dubbi che gli ultimi mesi vissuti tra campo e panchina lo facciano arrivare all’Europeo fuori condizione: “Nell'ultimo mese e mezzo all'Inter non avevo giocato, per questo ho sofferto la preparazione, ma adesso siamo tutti alla pari fisicamente. Sono sereno”.
©

ARTICOLI CORRELATI:

©Giacomo Bonaventura esalta Franck Ribery
Giacomo Bonaventura esalta Franck Ribery
©Javier Zanetti fa chiarezza sulle sue parole
Javier Zanetti fa chiarezza sulle sue parole
©Coppa Italia, nuovo cambio di format
Coppa Italia, nuovo cambio di format
 
Chelsea-Real Madrid 2-0, le foto
Champions League: Manchester City - Psg 2-0, le foto
Torino-Parma 1-0, le foto
Inter, lo scudetto in 10 immagini
Europa: Manchester United-Roma 6-2, le foto
Paris Saint Germain-Manchester City 1-2, le foto