Di Carlo fa i conti: "Adesso forza Perugia"

L'allenatore dello Spezia è un inno al fair play dopo il pareggio del 'Curi': "Qui ambiente molto sportivo: speriamo vincano le ultime due partite per giocare i playoff".

Il pareggio tra Perugia e Spezia scontenta tutti, ma in particolare la squadra di Bucchi. Paradossalmente anche ai liguri avrebbe fatto “comodo” una sconfitta, perché ora senza il traino degli umbri i playoff, traguardo cui ambiscono entrambe le squadre, sono a rischio.

Al termine della gara del “Curi” il tecnico dello Spezia Mimmo Di Carlo non nasconde la propria delusione ai microfoni di Sky Sport, pur non rimproverando nulla ai suoi:
“Bisogna fare un plauso a entrambe le squadre che hanno cercato di vincere. Abbiamo giocato una buona partita, sapevamo come fare male al Perugia, ma ci è mancata ancora la cattiveria giusta: era una partita da vincere. È un peccato sia finita 0-0, entrambe le squadre hanno le qualità offensive per vincere. L’occasione di Giannetti? Le opportunità le creiamo, ma purtroppo fatichiamo a concretizzarle, soprattutto in trasferta. Peccato, ma adesso guardiamo avanti: pensiamo al derby col Pisa e a fare più punti possibile".

Le idee per gli ultimi 180’ sono chiare. Di Carlo “sponsorizza” gli avversari di giornata:  “Il Perugia è una squadra che gioca sempre per vincere. Adesso faremo il tifo per loro, affinché vincano le prossime due partite e facciano in modo che si giochino i playoff. Voglio anche fare i complimenti a tutto l’ambiente perugino perché abbiamo trovato molta sportività, a differenza di quanto successo nell’ultima trasferta a Frosinone”.

Di Carlo

ARTICOLI CORRELATI:

Chievo, un piede nella finale dei playoff
Chievo, un piede nella finale dei playoff
Roma fuori dall'Europa League
Roma fuori dall'Europa League
Juventus, Sarri in bilico: si scatena il toto allenatore
Juventus, Sarri in bilico: si scatena il toto allenatore
 
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina
Cintia Doroni: la bellissima Dottoressa