Cagliari, Faragò frena: "Siamo a novembre"

L'esterno rossoblu: "Dovunque andiamo ci sentiamo coccolati, è un orgoglio".

L'esterno del Cagliari Paolo Faragò in un'intervista a La Nuova Sardegna racconta il momento magico dei rossoblu: "Dovunque andiamo ci sentiamo coccolati, supportati. Per noi difendere questi colori è un orgoglio e i nostri tifosi sono unici. Ho fatto i primi due mesi a Roma. Cominciavo alle 9 con le terapie e finivo la sera alle 20. Ero concentrato solo su quello. Appena ho capito i tempi di recupero, ho messo un cerchietto rosso sulla gara con la Spal e sono rientrato in quella data".

"Il Presidente è ambizioso e lungimirante. Il mister dà identità e organizzazione alla squadra, non tutti gli allenatori hanno questa qualità. Stiamo dimostrando di essere una squadra che dà filo da torcere a tutti. Siamo una bella realtà, i complimenti sono la linfa che deve spingerci a fare di più e meglio. Dobbiamo essere bravi a non distrarci, pensare gara dopo gara. Stiamo facendo bene ma siamo solo a novembre. Il nostro pensiero deve essere quello di continuare su questo binario".

Le foto di Cagliari-Fiorentina 5-1 - Serie A 2019/2020

ARTICOLI CORRELATI:

Godin se la prende con l'Italia:
Godin se la prende con l'Italia: "Stop al calcio tardivo"
Coronavirus, Daniele Faggiano sbotta
Coronavirus, Daniele Faggiano sbotta
Juventus, c'è l'accordo per il taglio agli stipendi
Juventus, c'è l'accordo per il taglio agli stipendi
 
Le foto di Bianca Gascoigne
Diletta Leotta colpisce ancora
Cecilia Rodriguez, bellezza argentina
Federica Nargi bella e sensuale