Avellino, Stroppa individua il pericolo

L'allenatore del Foggia ha parlato alla vigilia della trasferta in Irpinia spegnendo i ricordi della finale playoff 2007: "Nulla da vendicare".

Avellino e Foggia tornano a sfidarsi 10 anni dopo la rocambolesca finale playoff dell’allora Serie C1, che sorrise agli irpini grazie a un gol in extremis di Rivaldo.

Ora entrambe le squadre sono in B, ma il tecnico dei pugliesi Giovanni Stroppa allontana ogni polemica e anzi ricorda con piacere l’annata trascorsa da giocatore biancoverde nel 2003 agli ordini di Zdenek Zeman: “Sono stato benissimo lì con la mia famiglia. Noi non dobbiamo vendicare quella finale playoff. Il nostro obiettivo resta quello della vittoria da conseguire attraverso il gioco” ha tagliato corto Stroppa.

Semmai, il tecnico rossonero sembra preoccupato del marchio che Novellino ha dato alla squadra quanto a grinta e dal campo sintetico: “Quel sintetico non l’abbiamo mai provato e questo può essere un problema. L’Avellino ha il carattere del suo allenatore. A volte propongono gioco, in altre circostanze invece lanciano palloni in avanti giocando sulle seconde palle. Sicuramente saranno protagonisti nella stagione”.

Stroppa

ARTICOLI CORRELATI:

Cristiano Ronaldo resta in casa, ma non ferma gli allenamenti
Cristiano Ronaldo resta in casa, ma non ferma gli allenamenti
Ferrero ribadisce:
Ferrero ribadisce: "La serie A non deve ripartire"
Galliani:
Galliani: "Impensabile Monza in C il prossimo anno"
 
Michela Persico, la modella-giornalista
Zaira Nara e Wanda Nara: il derby della sensualità
Con Wanda Nara la vita è meno amara
Le foto di Soraja Vucelic, la prorompente ex di Neymar