Andrea Petagna: "Con Di Biagio intensità superiore"

L'attaccante della Spal fissa l'obiettivo in vista della possibile ripresa del campionato.

Andrea Petagna in un'intervista alla Gazzetta dello Sport ha parlato dello stop del campionato: "Mi manca il calcio, ma dico che dovremo farlo solo quando tutto sarà sicuro. Porte chiuse? Non ha molto senso perché il calcio è fatto di tifosi. Ricordo ancora quell’ultima gara prima dello stop, Parma-Spal: si gioca, non si gioca, sì, no. Eravamo tutti un po’ spaventati: fu una gara che sembrò un allenamento fatto male. Ripeto: non mi piacciono le porte chiuse, il calcio ha bisogno della gente. Meglio ricominciare con tutti e quando saremo al sicuro".

L'obiettivo salvezza in vista della possibile ripresa del campionato: "Con Di Biagio abbiamo cambiato modo di allenarci, avuto una mentalità più offensiva e superiore intensità negli allenamenti. Nelle tre gare avremmo meritato ben più dei tre punti presi. L’anno scorso, sono stato l’under 25 che ha segnato di più in A, quest’anno sono a undici e vorrei, se tutto ricomincia, toccare o superare quota sedici dell’ultimo campionato".

L'anno prossimo, il Napoli: "Mi aspetterà una piazza fantastica, un tifo straordinario, un top club. Arriverò per restare. Gattuso? Lo conobbi a Milanello, mi piace come allena e caratterialmente. Mi avrebbe preso anche a gennaio ma ho scelto di restare alla Spal: mi ha dato tanto e la devo ringraziare. E salvare".

petagna

ARTICOLI CORRELATI:

Ascoli, ecco Abascal: le prime parole del nuovo tecnico
Ascoli, ecco Abascal: le prime parole del nuovo tecnico
Ripresa Serie A, da Gravina una frecciata ai critici
Ripresa Serie A, da Gravina una frecciata ai critici
Ecco la Juventus che Sarri manderà in campo dopo lo stop
Ecco la Juventus che Sarri manderà in campo dopo lo stop
 
Karina Cascella sempre più sexy
Sara Croce, le foto sono irresistibili
Le foto di Alessia Macari
Le foto di Ilenia De Sena