Ripescaggio Torino, Ravenna schiuma rabbia

"E' un'indecenza, una vergogna", dice il presidente dei romagnoli, Vianello.

Ripescaggio Torino, Ravenna schiuma rabbia: alla Gazzetta dello Sport il presidente dei romagnoli Vianello ha attaccato: "E' un'indecenza, una vergogna. Non dico che Torino non abbia i requisiti per salire di categoria, anzi forse li ha più di noi, ma le regole sono fatte per essere rispettate".

"Una delibera della Fip ha stabilito che entro il 15 giugno i club possono chiedere il riposizionamento e la Lega di A che fa? Sancisce un mese prima chi deve essere ripescato. È un atteggiamento arrogante e prepotente. Poi, se avesse comunicato i parametri del ranking, avremmo potuto in queste settimane presentare la nostra candidatura nel miglior modo possibile e invece niente. Ravenna è una piccola provincia ma non ci sta ad essere presa a schiaffi. Non voglio andare in paradiso a dispetto dei santi, ma non accetteremo passivamente questa ingiustizia".

"Mi viene da pensar male. Non si possono avere due società nella stessa categoria: vendere il club con la Serie A già in tasca è un'altra cosa" la stoccata finale a Sardara.

basket, canestro

ARTICOLI CORRELATI:

Brandt, l'ostacolo è tedesco
Brandt, l'ostacolo è tedesco
Scola: annuale con opzione
Scola: annuale con opzione
Brindisi perde un altro pezzo
Brindisi perde un altro pezzo
 
Le foto di Susanna Canzian, nerazzurra da urlo.
Beatrice Bonfanti bella e atletica
Ekaterina, sexy ballerina
Cintia Doroni: la bellissima Dottoressa