Sofia Goggia, Gianluca Rulfi risponde ai leoni da tastiera

Rulfi risponde a chi fa polemica

Gianluca Rulfi, il direttore tecnico della nazionale italiana di sci alpino, è ovviamente molto amareggiato per quanto successo a Sofia Goggia a Cortina: una caduta che rovina i piani di fine stagione e che mette a repentaglio la partecipazione della grintosa bergamasca alle Olimpiadi di Pechino. "Sofia è un'agonista nata e al cancelletto va per gareggiare non per passeggiare – racconta a La Stampa -. In pista vuole il sangue e qualche volta ci rimette lei. Ha fatto un errore prima della curva e si è inclinata troppo. Lì c'era scarsa visibilità, è stata sfortunata. Aveva fatto due prove giudiziose e dopo la caduta di Altenmark non è stato facile tornare in pista".

"Non poteva rallentare, se scali la marcia a 100 chilometri all'ora rischi di far peggio – aggiunge Rulfi, rispondendo a qualche fenomeno da tastiera -. Mi rendo conto che dall'esterno possa sembrare strano ma lo sci è uno sport difficile, fatto di equilibri". 

Articoli correlati