Sei Nazioni, Italia a secco ma Smith non vede nero

"Ci sono state anche cose buone" ha dichiarato l'allenatore degli Azzurri.

La pesante sconfitta (42-0 in casa del Galles) all'esordio del Sei Nazioni 2020 non è certo l'esordio che gli Azzurri speravano, ma l'allenatore Franco Smith cerca di cogliere i lati positivi della prestazione dei suoi: "Ci sono state buone cose da parte nostra – ha dichiarato – ma è innegabile che abbiamo commesso degli errori. Dobbiamo sfruttare al meglio le occasioni a nostro favore".

"Nei punti di incontro abbiamo perso troppo spesso la palla, fattore che deve cambiare nelle prossime partite - ha spiegato il coach ad interim, che ha preso il posto del dimissionario Conor O'Shea dopo il Mondiale 2019 -. Abbiamo giocato contro una delle migliori squadre in questa competizione, se non la più forte. Hanno meritato la vittoria. Adesso con l’analisi video della partita nella prossima settimana possiamo andare a correggere alcuni errori. E’ una dura lezione, ma ci sono anche cose positive”.

“Abbiamo creato spazio per le ali, mosso bene la palla senza concretizzare. I ragazzi stanno assimilando gli schemi step by step. Il Galles con Pivac ha già giocato contro i Barbarians, questa per noi è la prima partita insieme. Nel rugby in Italia alla base c’è un gran lavoro. Ci sono tanti giocatori interessanti. Non è una scusante, ma oggi abbiamo giocato contro una squadra che è arrivata nella semifinale del Mondiale. Sono convinto che questo gruppo in futuro può dire la sua” ha poi concluso Smith.

rugby

ARTICOLI CORRELATI:

Coronavirus, l'Italrugby cambia la sede del raduno
Coronavirus, l'Italrugby cambia la sede del raduno
Rugby, il Coronavirus sposta la finale scudetto
Rugby, il Coronavirus sposta la finale scudetto
Anche la Scozia lascia a zero l'Italrugby
Anche la Scozia lascia a zero l'Italrugby
 
Le foto di Natasha Thomsen
Tutti in pista con Giulia Colombo
Le foto di Stefana Veljkovic
Rihanna incanta lo Stadium