Bolt il modesto: "Sono il più grande"

19 Agosto 2016

A Rio 2016 Usain Bolt ha già centrato la doppietta olimpica individuale - nei 100 e nei 200 metri - così come già aveva fatto a Pechino 2008 e Londra 2012. In attesa di capire se riuscirà a mettere mani anche (ancora) sulla 4x100 maschile, ha rilasciato le sue prime dichiarazioni da campione olimpico confermato nei 200 metri.

''Non devo dimostrare nient'altro, cos'altro potrei fare per dimostrare al mondo di essere il più grande?", ha affermato Bolt con poca modestia.

E poi ha aggiunto: "Sto provando a essere uno dei più grandi, come Muhammad Alì e Pelé. Spero dopo questi Giochi di essere assieme a loro".

Infine Bolt si è concesso una battuta, alla vigilia del suo 30esimo compleanno: "Sul rettilineo comunque il mio corpo non rispondeva, sto diventando vecchio".

©

ARTICOLI CORRELATI:

©Tokyo 2020, vaccino anti-Covid per tutti gli Azzurri
Tokyo 2020, vaccino anti-Covid per tutti gli Azzurri
©Alberto Figliolia centra il bersaglio con i suoi
Alberto Figliolia centra il bersaglio con i suoi "Cieli di gloria"
©Olimpiadi: Tokyo chiude agli spettatori stranieri
Olimpiadi: Tokyo chiude agli spettatori stranieri
 
Psg-Bayern Monaco 0-1, le foto della supersfida
Ajax-Roma 1-2, le foto del colpaccio giallorosso
Juventus-Napoli 2-1, le pagelle: ci pensano CR7 e Dybala
Real Madrid-Liverpool 3-1, le foto
Torino-Juventus 2-2, le foto più belle
Lituania-Italia 0-2, le foto