L'Autodromo Nazionale Monza frena le specie esotiche invasive

Verranno piantate quasi 6mila nuove piante autoctone nelle aree forestali attorno al circuito.

7 Dicembre 2021

Una frenata alle specie esotiche invasive

Il miglioramento della composizione e della ricchezza floristica dei boschi e la loro valorizzazione da un punto di vista ecosistemico. Sono gli obiettivi di un ampio progetto di miglioramento forestale che il Tempio della Velocità realizzerà nell’arco di cinque anni. Gli interventi riguarderanno le aree boscate in concessione al circuito all’interno del Parco di Monza e prevedono la piantumazione di quasi 6mila nuovi alberi autoctoni.

Il programma, commissionato dall’Autodromo Nazionale Monza e progettato da un pool di dottori agronomi e forestali ingaggiati dal circuito, ha ottenuto un finanziamento di circa 160mila euro da Regione Lombardia nell’ambito di un bando pubblicato dalla Direzione Generale Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi. Il corposo studio, autorizzato dal Parco Regionale della Valle del Lambro e dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio e revisionato da esperti agronomi indipendenti, prevede due differenti piani di lavoro.

Il primo interesserà un’area di poco meno di 12 ettari, particolarmente degradata per i danni dovuti a una tromba d’aria, nei pressi della curva Biassono. Nella zona sono presenti delle specie esotiche invasive che, nonostante degli interventi negli anni Novanta, hanno continuato a proliferare impedendo la ricrescita delle piante autoctone e caratterizzanti del Parco.
L’impresa boschiva incaricata dei lavori effettuerà dei tagli selettivi sulle piante infestanti, sugli esemplari morti o pericolanti e conterrà allo stesso tempo la crescita degli esemplari invasivi più giovani. Le attività non riguarderanno le zone più lontane dalla fruizione del pubblico, per tutelare i rifugi e l’habitat della fauna locale. L’Autodromo metterà poi a dimora 2.610 giovani piantine di rovere, farnia, carpino bianco e altre specie ecologicamente coerenti. I nuovi impianti verranno curati per cinque anni con irrigazioni di soccorso e decespugliamenti fino alla loro completa affermazione.

Il secondo intervento ha invece lo scopo di migliorare la composizione e la ricchezza floristica del bosco, perseguendo anche la valorizzazione dell’estetica e della fruibilità dei luoghi. La superficie dell’intervento è distribuita principalmente tra le curve di Lesmo, Ascari, la Sopraelevata nord e la Alboreto. Nelle zone individuate, ampie circa 54 ettari, verranno piantati 3mila nuovi alberi autoctoni tra cui olmi, frassini e aceri. Anche per questi lotti, una volta ripuliti dalle piante morte, deperienti o invasive, si garantirà un monitoraggio dei nuovi innesti per un quinquennio affinché possano crescere rigogliosi.

©Getty Images

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesF1, Fernando Alonso chiede aiuto ai tifosi
F1, Fernando Alonso chiede aiuto ai tifosi
©Getty ImagesF1, i piloti Ferrari si preparano in vista della nuova stagione
F1, i piloti Ferrari si preparano in vista della nuova stagione
©Getty ImagesMick Schumacher vede una bella differenza coi tempi di papà
Mick Schumacher vede una bella differenza coi tempi di papà
©Getty ImagesF1, il nuovo progetto di Fernando Alonso e Flavio Briatore
F1, il nuovo progetto di Fernando Alonso e Flavio Briatore
©Getty ImagesF1, spiegato il motivo dell'arrivo di Valtteri Bottas all'Alfa Romeo
F1, spiegato il motivo dell'arrivo di Valtteri Bottas all'Alfa Romeo
©Getty ImagesLewis Hamilton, senti George Russell: il messaggio del nuovo compagno
Lewis Hamilton, senti George Russell: il messaggio del nuovo compagno
 
Milan-Juventus 0-0, le pagelle
Napoli-Salernitana 4-1, le pagelle
Torino-Sassuolo 1-1, le pagelle
Cagliari-Fiorentina 1-1, le pagelle
Lazio-Atalanta 0-0, le pagelle
Inter-Venezia 2-1, le pagelle
La spropositata bellezza della calciatrice Sandra Panos. Le foto
Lazio-Udinese 1-0, le pagelle