Milano-Sanremo, Viviani rivela due retroscena

Il velocista spiega cosa non ha funzionato: "Ho battuto il ginocchio".

Elia Viviani affida alla Gazzetta dello Sport le sue riflessioni dopo la sua Milano-Sanremo, chiusa nelle retrovie: "Il mio sbaglio è stato non essere abbastanza davanti sul Poggio. Sbaglio... Diciamo che non potevo fare altro. Ho dovuto mettere il piede a terra prima di entrare nell’ultimo tunnel che precede la rotondachiave, perché Stybar si è toccato con Rowe. Ma non sarebbe cambiato molto, nel senso che sarei rimasto col gruppo dei velocisti e avrei sprintato per un piazzamento, non di più. Naturale che a quel punto si facesse il Poggio molto forte per Alaphilippe".

Il veronese della Deceuninck­ Quick Step ha anche battuto il ginocchio sinistro: "Era un momento tranquillo, alla fine del Turchino. Mi è caduta la catena, non me ne sono accorto, sono andato per pedalare e ho toccato il manubrio con il ginocchio. Ma non è un qualcosa che mi abbia condizionato, perché sulla Cipressa stavo molto bene. Abbiamo giocato sul Poggio la carta Alaphilippe perché io non c’ero ed è andata benissimo".

viviani

ARTICOLI CORRELATI:

Aru:
Aru: "Farò il Tour de France"
Bartoli:
Bartoli: "Nibali può stupire"
E' morto Claudio Ferretti, giornalismo in lutto
E' morto Claudio Ferretti, giornalismo in lutto
 
Le foto di Alessia Macari
Le foto di Ilenia De Sena
Oriana Tubiolo, la dottoressa-wag
Paola Saulino prorompente e sexy