Il Como diventa americano

Vicino il passaggio di proprietà a un fondo: al suo interno anche imprenditori slavi.

3 Aprile 2019

Ancora un cambio di proprietà per il Como. Secondo quanto riporta 'TuttoSerieD' mancherebbe solo l’ufficialità per sancire il passaggio di consegne al timone del club lariano, al termine di una trattativa che sarebbe stata condotta segretamente ed è giunta ai dettagli.

La società starebbe infatti per essere rilevata da un fondo americano e tra i nuovi proprietari ci sarebbero anche alcuni imprenditori slavi. Il Como è attualmente di proprietà della Nicastro Group che ha raccolto il club nel 2017 in Serie D dopo il fallimento della gestione Porro, con la quale i lariani si sono spinti fino alla Serie B nella stagione 2015-2016, avventura durata però solo una stagione.

Attualmente la squadra è in lotta con il Mantova nel girone B di Serie D per tornare tra i professionisti. Non sono stati svelati i contorni economici dell’operazione, ma i costi potrebbero lievitare in caso di promozione in Serie C.
 

©Getty Images

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesLionel Messi, i dettagli di un accordo da Paperone
Lionel Messi, i dettagli di un accordo da Paperone
©Getty ImagesCristiano Ronaldo, nuovo record: battuto anche Lionel Messi
Cristiano Ronaldo, nuovo record: battuto anche Lionel Messi
©Getty Imagesil PSG vuole un Marcelo Brozovic alla Gigio Donnarumma
il PSG vuole un Marcelo Brozovic alla Gigio Donnarumma
©Getty ImagesJuventus-Donnarumma: Raiola rivela un retroscena
Juventus-Donnarumma: Raiola rivela un retroscena
©Foto BuzziMercato Monza, Giovanni Stroppa chiarisce
Mercato Monza, Giovanni Stroppa chiarisce
©Getty ImagesMercato Juve: colpo a parametro zero nel 2022
Mercato Juve: colpo a parametro zero nel 2022
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?