San Pietroburgo, Criscito sotto choc: "Ero lì"

"Ero a pochi metri, prego per le vittime colpite"

3 Aprile 2017

Domenico Criscito, Nazionale azzurro e uno dei pilastri dello Zenit San Pietroburgo in cui milita da sei anni, ha raccontato sconvolto all'Ansa che si trovava a pochi passi da una delle stazioni della metropolitana colpite dall'attentato di lunedì nella città russa (10 i morti, oltre 40 i feriti).

"Ero in un ristorante nella zona, a poche centinaia di metri dall'attentato in cui sono morte delle persone, ma davvero era impossibile capire: sono andato a casa, ho acceso la tv e ho realizzato davvero quel che stava succedendo". 

Oltre a Criscito, a San Pietroburgo c’è anche Carlo Nicolini, preparatore atletico italiano dello Zenit: "Quella è proprio la linea di metropolitana che prendo ogni giorno per andare all'allenamento, che choc". 

Criscito su Instagram ha dedicato un messaggio ai familiari delle vittime: "Sperando sempre in un mondo migliore e fatto solo di colori, prego per le vittime e le famiglie colpite oggi. San Pietroburgo una delle città più belle al mondo e la città che mi ha fatto sentire al sicuro in questi sei anni".

 

©Getty Images

ARTICOLI CORRELATI:

©Getty ImagesMilan, Pioli si fida della versione di Ibrahimovic
Milan, Pioli si fida della versione di Ibrahimovic
©Getty ImagesBayern Monaco, altro stop: solo 1-1 in casa con l'Union Berlino
Bayern Monaco, altro stop: solo 1-1 in casa con l'Union Berlino
©Getty ImagesFollia Ibra, ma il Milan passa a Parma
Follia Ibra, ma il Milan passa a Parma
 
Ajax-Roma 1-2, le foto del colpaccio giallorosso
Juventus-Napoli 2-1, le pagelle: ci pensano CR7 e Dybala
Real Madrid-Liverpool 3-1, le foto
Torino-Juventus 2-2, le foto più belle
Lituania-Italia 0-2, le foto
Italia-Irlanda del Nord 2-0, le foto