Ora Gasperini è bergamasco doc

L'allenatore dell'Atalanta ha ricevuto la cittadinanza onoraria della città: "Gioia senza pari".

9 Settembre 2019

In attesa dello storico debutto nella fase a gironi di Champions League, il 18 settembre in casa della Dinamo Zagabria, Gian Piero Gasperini si è goduta un’altra emozione. Presso la sede del Comune di Bergamo, Palazzo Frizzoni, il tecnico piemontese è stato infatti insignito della cittadinanza onoraria della città.

Fin troppo evidenti i meriti, aver dato onore a Bergamo in ambito sportivo. La decisione è stata assunta all’unanimità dal Consiglio Comunale, ora la cerimonia, che ha emozinonato parecchio il tecnico nerazzurro: "Vogliamo vivere altre emozioni, forse ancora più forti, abbiamo voglia di dare entusiasmo e felicità alla gente, perché in tutta questa storia quello che ci ha più emozionato è stata la felicità negli occhi dei tifosi. Per me non è un premio, ma il regalo più bello della mia vita".

Esplicito anche l'elogio del sindaco Giorgio Gori: “I risultati straordinari dell’Atalanta sono merito della società e dei giocatori, ma tutti abbiamo riconosciuto quel contributo in più che è venuto proprio da mister Gasperini: con la cittadinanza onoraria vogliamo riconoscergli la nostra gratitudine per tutto quello che ha fatto. Da oggi in avanti sarà sempre profondamente e orgogliosamente bergamasco".

Più diretto l'invito del presidente Antonio Percassi: "È un riconoscimento strameritato, Gasperini deve restare a vita a Bergamo".

 

©Getty Images

ARTICOLI CORRELATI:

©Getty ImagesAllarme Milan: fuori due titolarissimi
Allarme Milan: fuori due titolarissimi
©Getty ImagesMario Balotelli, Mancini non gli chiude le porte della Nazionale
Mario Balotelli, Mancini non gli chiude le porte della Nazionale
©Getty ImagesLazio-Roma, probabili formazioni
Lazio-Roma, probabili formazioni
 
Supercoppa alla Juve, le foto
Serie A: le foto di Roma-Inter 2-2
Le pagelle di Milan-Juventus 1-3
Cristiano Ronaldo schianta da solo l'Udinese: le foto
SuperMario Balotelli show: le foto
Un 2020 con tante scarpe appese al chiodo: le foto di chi ha lasciato