Moratti attacca: "De Boer è arrivato tardi"

3 Settembre 2016

Da manciniano di ferro, a bacchettatore del nuovo corso interista, che ha sancito un divorzio “tardivo” con l’ex allenatore.

Intervenuto a Radio DeeJay, Massimo Moratti ha detto la propria sul momento della propria ex creatura, a poco meno di tre mesi dall’uscita ufficiale dalla società successivo all’avvento di Suning.

E dopo aver espresso nei giorni scorsi parole d’incoraggiamento per De Boer, l’ex presidente nerazzurro commenta in modo critico il ribaltone avvenuto in panchina: "Con Mancini c’è sempre stato un buon dialogo, ma le cose si sono un po’ complicate, il suo era un divorzio già scritto: forse la decisione è stata presa troppo tardi. Adesso però c’è De Boer che è un tecnico serio, un professionista. È difficile giudicarlo dopo qualche partita, il problema reale probabilmente è stato prenderlo all’ultimo secondo”.

L’obiettivo del primo anno del nuovo corso è entrare in Champions, mentre per lo scudetto Moratti non si fa illusioni: “Per la Juventus sarà una passeggiata”.

©

ARTICOLI CORRELATI:

©Lvmh, Belloni:
Lvmh, Belloni: "Nessun interesse per il Milan"
©L'Empoli frena a Cremona, Dionisi comunque orgoglioso
L'Empoli frena a Cremona, Dionisi comunque orgoglioso
©Euro 2020, nuovo semaforo verde per Roma: i dettagli
Euro 2020, nuovo semaforo verde per Roma: i dettagli
 
Psg-Bayern Monaco 0-1, le foto della supersfida
Ajax-Roma 1-2, le foto del colpaccio giallorosso
Juventus-Napoli 2-1, le pagelle: ci pensano CR7 e Dybala
Real Madrid-Liverpool 3-1, le foto
Torino-Juventus 2-2, le foto più belle
Lituania-Italia 0-2, le foto