Gattuso bacchetta il suo Milan

Empoli travolto, ma il tecnico rossonero punge la sqaudra: "Non possiamo giocare solo un tempo".

22 Febbraio 2019

Al Milan di questi tempi basta un tempo per domare gli avversari, ma Rino Gattuso non si accontenta.

Nonostante la rotonda affermazione sull’Empoli il tecnico rossonero non è tenero con la squadra nell’analisi della partita:  praticamente facevamo il solletico e anche in fase difensiva siamo stati disattenti portando spesso avanti insieme i due terzini. Comunque ci sta, temevo questa gara" le parole del tecnico calabrese a 'Sky Sport'.

Ma quando si gioca in fiducia può capitare di cambiare una partita in un attimo: “Nella ripresa – prosegue Gattuso – tutta la squadra si è mossa meglio, con e senza palla. Considerando il fatto che Paquetà e Bakayoko non erano al meglio e visto come abbiamo giocato nel primo tempo sono molto contento per come ne siamo usciti. I nuovi? Quando gira la squadra girano anche i singoli”.

Ora la corsa al quarto posto potrebbe diventare ambizione di chiudere terzi. Gattuso non ci casca:  “Mancano ancora 13 partite e dobbiamo pensare gara per gara, senza guardare la classifica. Non prometto nulla, ma la squadra è giovane e l’età media è bassa. Ci sono tanti giocatori interessanti”.

©Getty Images

ARTICOLI CORRELATI:

©Getty ImagesJuventus, questa volta Pirlo alza la voce
Juventus, questa volta Pirlo alza la voce
©Getty ImagesJuventus, nuova frenata: 1-1 in rimonta del Verona
Juventus, nuova frenata: 1-1 in rimonta del Verona
©Getty ImagesSerie A: la Lazio crolla a Bologna
Serie A: la Lazio crolla a Bologna
 
Italia femminile, goleada e qualificazione agli Europei: le foto
Juventus-Crotone 3-0, le pagelle
Serie A, le foto di Atalanta-Napoli 4-2
Milan-Inter 0-3, le pagelle del derby
Serie A: Cagliari-Torino 0-1, le pagelle
Serie A: Inter-Lazio 3-1, le pagelle