Marble diretto: “Qui per vincere”

Il nuovo giocatore della Virtus: "Non sarei tornato in Italia se non avessi avuto la possibilità di giocare per vincere".

28 Gennaio 2020

Devyn Marble si presenta come nuovo giocatore della Virtus, alla vigilia del match di campionato contro Trento, sua ex squadra: "Sono contento di tornare in Italia, mi piace come paese e mi piace il campionato: ero molto contento dell'interesse della Virtus, ho pensato che fosse uno step importante per la mia carriera, soprattutto arrivando in una società organizzata per vincere. Non sarei tornato se non avessi avuto la possibilità di giocare per vincere". 

"Non sono un giocatore egoista, voglio aiutare i miei compagni e la squadra a vincere. Alcuni compagni di squadra li conoscevo già: ho giocato con Baldi Rossi a Trento, Hunter è di Detroit come me, con Teodosic ho giocato quando ero  all’Aris contro il CSKA, lo zio di Weems era il mio allenatore a Santa Cruz. Djordjevic mi ha chiesto di fare il mio gioco, giocare per la squadra, aiutare i miei compagni: ho visto che questa è una squadra di grandi giocatori, tutti uniti, e proiettati sugli obiettivi collettivi. Le mie caratteristiche possono essere esaltate". 

Le parole su Kobe Bryant: "Kobe e la sua famiglia sono presenti nelle mie preghiere. Non l'ho conosciuto personalmente ma il mio anno ad Orlando è coinciso con l'ultimo anno della sua carriera. Continuerà ad essere una fonte di ispirazione per tutti quelli che amano il basket". 

©uff. stampa

ARTICOLI CORRELATI:

©uff. stampa Martino:
Martino: "Olimpia, campioni ma non solo"
©uff. stampa Dominique Sutton si toglie nove anni per Reggio Emilia
Dominique Sutton si toglie nove anni per Reggio Emilia
©uff. stampa Frank Vitucci pronto per il derby personale
Frank Vitucci pronto per il derby personale
 
Le pagelle di Lazio-Roma 3-0
Supercoppa alla Juve, le foto
Serie A: le foto di Roma-Inter 2-2
Le pagelle di Milan-Juventus 1-3
Cristiano Ronaldo schianta da solo l'Udinese: le foto
SuperMario Balotelli show: le foto