Cska e Fenerbahce di forza nelle Final Four

3/0 dei russi a Vitoria col Baskonia e in casa per i turchi col Panathinaikos con un Datome in ripresa.

Con un 3-0 secco Fenerbahce e Cska, seconda e prima nell'edizione 2016, si sono qualificate per le Final Four. Mentre il Fenerbahce ha sigillato il risultato in casa contro il Panathinakis dopo il 2-0 di Atene, prima squadra a vincere due volte in trasferta e prima a riuscire nello "sweep" senza avere il fattore campo favorevole  come quinta classificata, il Cska dopo il sofferto 2-0 di Mosca ha vinto di 2 punti a Vitoria contro il Baskonia finalista lo scorso anno e ancora privo al mese di marzo di Andrea Bargnani per una lombalgia acuta che gli ha consentito di giocare meno della metà delle gare di calendario.

Vittoria netta di 18 punti (79-61) costruita sull'intensità difensiva,  per la squadra di Obradovic che ha puntato sulla forza del collettivo dopo il doppio show ateniese di Bogdanovic che ha segnato in gara3  10 punti con 8 rimbalzi. Datome è tornato nel quintetto, e ancora al 70 per cento dopo l'infortunio, è stato l'utile collante segnando 10 punti con 2/2 nelle triple  nella quali è uno dei giocatori più precisi. I turchi, alla la terza Final Four  dell'era-Obradovic, hanno dominato anche ai rimbalzi (38-28). Miglior marcatore Bobby Dixon, ex Benetton, con 13 punti.

Il cappotto del Cska non rende giustizia al valore  e  allo sforzo espresso  dalla squadra basca negli tre episodi del confronto. La differenza totale  è stata infatti di  12 punti. In gara1 i russi hanno rischiato forte e con un 10-0 finale hanno vinto di 8 (98-90). In Gara 2 gli spagnoli hanno rimontato 17 punti, a 12" la gara era in parità e  russi hanno vinto di 2 e un rimbalzo di Hines. A  Vitoria, martedì notte, incertezza fino al fischio della sirena. A 37" dalla fine + 3 per i russi (87-90), a 8 secondi Larkin segna il tiro libero del -2 (88-90). Time out quando mancano 6", a -5" il tiro di Larkin, ex Nets, trova la murata di Kyle Hines, prende il rimbalzo l'ungherese Hanga che subisce la seconda murata del centro americano  eroe della serata. E' amaro perdere con due tiri finali per vincere o pareggiare. Il migliore nella serie è stato Milos Teodosic con la sua esperienza e classe, De Colo MP della scorsa stagione non ha avuto buona mira.

In campo anche i due arbitri italiani, Gigi Lamonica capoterna a Istanbul (e anche nelle due gare precedenti) e Paternicò 2° arbitro a Vitoria.

Fra stasera e venerdì gli altri due incontri di gara 3 e  gara 4, eventuali spareggi mercoledì 5 maggio. Le Final Four per la conquista dell'Euroleague 2017 sono in programma il 17 e 19 maggio a Istanbul. Le semifinali sono: vincente di Real Madrid/Darussafa vs. Fenerbahce e vincente Olympiacos/Efes vs. Cska.

Situazione playoff: Real Madrid-Darussafaka 1/1; Panathinaikos-Fenerbahce 0-3; Cska-Baskonia 3-0, Olimpiacos-Efes 1/1. Programma quarti, gara3: FENERBAHCE-Panathinaikos 79-61 (3/0, 18-17, 19-13; 15-12, 27-19; 13 B.Dixon, 10 G.DATOME st, 1/2 2/4 da3 tl2/2 V6, 10 Bog.Bogdanovic 1/3 2/6 tl2/2 8r 2a 7pe; 16 KC Rivers, 12 C.Singleton R-A: 38-16;  Baskonia-CSKA 88-90 (0/3; 24-22, 20-21; 26-29, 18-18; 19 T.Shengelia 3/8 3/3 da3 tl4/4 7r; 21 C.Higgins 7/13 1/2 da3 tl4/5 V20, 15 N.De Colo 1/5 da3 7pe, 13 M.Teodosic 2/3 1/3 da3 tl6/6. R-A: 41-19; 36-16); mercoledì 26 Efes-Olympiacos (18.30), Darussafa-Real Madrid (20.15); gara 4, venerdì 28 aprile: Darussafa-Real Madrid (18.30), Efes-Olimpiacos (20.15). Eventuale gara5 il 2 maggio.

A cura di Enrico Campana.

Teodosic

ARTICOLI CORRELATI:

Mike James mette tutti in fila
Mike James mette tutti in fila
Sacripanti spiega come il basket venga dopo
Sacripanti spiega come il basket venga dopo
Basket più vicino allo stop definitivo
Basket più vicino allo stop definitivo
 
Le foto di Soraja Vucelic, la prorompente ex di Neymar
Le foto della figlia di Hulk Hogan
Le foto di Bianca Gascoigne
Diletta Leotta colpisce ancora