Bulleri avverte Treviso: "Siamo vivi"

"La squadra c'è, c'è un gruppo che non si arrende mai" assicura il coach di Varese.

24 Dicembre 2020

“Quando sono arrivato sulla panchina biancorossa ero consapevole che questa avventura avrebbe riservato degli ostacoli“ riconosce.

Massimo Bulleri, il coach della Pallacanestro Openjobmetis Varese, ha parlato in vista della sfida con la De’ Longhi Treviso. “La settimana di lavoro sta procedendo bene - ha assicurato -. I ragazzi sono motivati e concentrati grazie anche alle certezze che abbiamo preso dall’ultima gara contro Venezia che però, purtroppo, non sono bastate per ottenere i due punti. Della gara contro la Reyer ho apprezzato l’atteggiamento lungo i 40′ di gioco che mi auguro di ritrovare anche domenica; per due volte siamo andati sotto di 9 punti ma in entrambi i casi siamo tornati in scia fino ad arrivare a giocarci la partita all’ultimo minuto. Questo è sintomo che la squadra è viva, che la squadra c’è, che c’è un gruppo che non si arrende mai, tutte caratteristiche fondamentali che ci devono spingere contro Treviso per fare quello che vogliamo”.

“Quando sono arrivato sulla panchina biancorossa ero consapevole che questa avventura avrebbe riservato degli ostacoli ma, onestamente parlando, fa parte del gioco - ha aggiunto il successore di Caja -. La classifica che ci riguarda è qualcosa che ci fa pensare, ma ci deve interessare fino ad un certo punto; ora dobbiamo essere concentrati settimana dopo settimana. Alla fine valuteremo a che punto saremo”.

©Sportal.it

ARTICOLI CORRELATI:

©Getty ImagesSassari per la bella con Venezia
Sassari per la bella con Venezia
©FacebookStefano Sardara
Stefano Sardara "annuncia" Zlatan Ibrahimovic
©Silvio SeghedoniDinamo Sassari multata, Francesco Sardara inibito
Dinamo Sassari multata, Francesco Sardara inibito
 
Adriano Galliani le tenta tutte per la A: le foto
Alisson fa gol di testa! Le foto
Juventus-Inter 3-2, le foto
Salernitana, è qui la festA. Le foto
Juventus-Milan 0-3, le foto
Inter, delirio a San Siro per la festa scudetto: le foto