Svizzera senza pietà: 9-0

Pesante sconfitta dell'Italia all'esordio dei Mondiali di Top Division di hockey ghiaccio.

Pesante sconfitta dell'Italia all’esordio dei Mondiali di Top Division contro i vicecampioni in carica della Svizzera che vincono per 9:0 di fronte agli 8463 spettatori dell'Ondrej Nepela Arena di Bratislava. Una formazione rossocrociata che non ha mai tolto il piede dall'acceleratore e che sostanzialmente ha chiuso il discorso partita già nel primo tempo. Il Mondiale dell’Italia prosegue  domenica (ore 16:15) contro la Svezia, formazione che ha vinto l’oro nelle ultime due edizioni del torneo iridato. La gara sarà in diretta su www.eurosportplayer.com in attesa anche delle dirette dal 14 maggio a partire dal match contro la Lettonia in TV su Eurosport 2 e sempre sulla piattaforma di Eurosport Player.

Coach Clayton Beddoes sceglie Andreas Bernard come goalie titolare. In difesa: McMonagle-Zanatta, Trivellato(capitano)-Marchetti, Hofer-Pavlu e Tauferer-Helfer. In prima linea offensiva Diego Kostner - Insam-Miceli, mentre in seconda ci sono Rosa e Bardaro con Giovanni Morini . Terzo blocco con Gander-Andergassen-Ramoser e quarto che schiera Hochkofler-Lambacher-Deluca. Questi i 22 azzurri che vanno a sfidare la Svizzera vice-Campione del Mondo in carica e che davanti al portiere Berra schiera la coppia Josi-Weber, entrambi giocatori dei Nashville Predators in NHL. Anche la prima linea offensiva elvetica è composta da giocatori impegnati in nordamerica, con gli NHLers Hischier e Fiala (migliore degli svizzeri) assieme a Praplan, che gioca in AHL.

Match sin da subito ad alto ritmo, e Svizzera che dopo soli 77 secondi riesce a trovare il vantaggio con Kevin Fiala che, ottimamente lanciato da Josi direttamente dalla propria linea blu, si invola verso Bernard e lo supera. Dopo una veloce reazione azzurra con Morini, Joachin Ramoser e Rosa, che si fanno vedere dalle parti di Berra, la Svizzera prende sempre più possesso della pista già al settimo Bernard deve compiere una paratona su Ambuhl, quindi al 7.24 arriva il fortunoso raddoppio, grazie alla deviazione (di coscia) di Hoffman sul tiro di Genazzi. Bardaro, e soprattutto Ramoser, provano ad accorciare ma Berra è abile, e al 10.06 anche Martschini entra nel tabellino dei marcatori col 3 a 0: veloce penetrazione centrale, tiro dalla media distanza che incoccia il pattino di un difensore e batte Bernard. Gli azzurri soffrono il ritmo e Bernard deve compiere diverse parate, quindi nel finale il goalie azzurro è costretto a capitolare di nuovo: in inferiorità numerica (fuori Trivellato per sgambetto) si deve arrendere a Praplan che, al 19.54 finalizza il lavoro di Fiala e Ambuhl.

Il secondo periodo si apre con Bardaro vicino al gol su un rebound concesso da Berra dopo un tiro di Trivellato, ma tra il 21.36 e il 23.32 gli svizzeri piazzano l’uno-due che chiude definitivamente ogni speranza italiana. Prima Simon Moser segna sul rimbalzo dopo il tiro di Simon Moser, quindi dopo un palo di Scherwey è ancora Fiala, questa volta in mischia, ad andare in gol. Sotto 6 a 0 gli azzurri soffrono le costanti avanzate degli elvetici, ma poi mettono fuori la testa e riescon a resistere a due inferiorità numeriche (Helfer 25.12 e Tauferer 33.53) trovando anche in mezzo due grandi salvataggi di Berra su tiri di Insam e Ramoser.

46 secondi di terzo periodo e Italia in inferiorità numerica per uno sgambetto a Rosa, mentre ne bastano 18 a Fiala per firmare la sua tripletta, dopo che i tiri ravvicinati di Praplan e Hischier sono stati fermati da un comunque monumentale Bernard l’attaccante dei Minnesota Wild non sbaglia. Al 42.30 arriva la prima superiorità numerica per i ragazzi di Beddoes, durante la quale si vede un tiro di Rosa (a lato di poco) e una ripartenza svizzera col palo a dire di no a Rod. Gli elvetici non decelerano praticamente mai, e piazzano altri due dischi alle spalle di Bernard. Il primo è di Loeffel (46.55) mentre il secondo è Nico Hischier (49:17) a marcare l’ultimo gol del match chiudendo un contropiede con un gran tiro nella porta italiana. Un Bernard che comunque nella seconda metà di terzo periodo si erge a baluardo azzurro, salvando praticamente tutto quello che passa dalle sue parti. Da segnalare che dalla fine del primo tempo, dopo una carica in balaustra, Giovanni Morini non ha fatto più ritorno sul ghiaccio per problemi ad un ginocchio.

MONDIALI IIHF – TOP DIVISION – BRATISLAVA – 11 maggio 2019

Svizzera – Italia 9:0 (4:0/2:0/3:0) 

Marcatori: 01:17 (1:0) Kevin Fiala (Roman Josi); 07:24 (2:0) Gregory Hofmann (Joel Genazzi/Philip Kurashev); 10:06 (3:0) Lino Martschini (Lukas Frick); 19:54 (4:0) Vincent Praplan in sup.num.(Andreas Ambuhl/Kevin Fiala); 21:36 (5:0) Simon Moser (Adres Ambuhl/Janis Moser); 23:32 (6:0) Kevin Fiala (Nico Hirschier); 41:14 (7:0) Kevin Fiala in sup.num. (Nico Hirschier/Vincent Praplan); 46:55 (8:0) Romain Loeffl (Noah Rod); 49:43 (9:0) Nico Hirschier (Vincent Praplan);
 

zanatta

ARTICOLI CORRELATI:

Zaytsev manda un messaggio a Modena
Zaytsev manda un messaggio a Modena
Ivan Zaytsev lascia l'Italia
Ivan Zaytsev lascia l'Italia
Holyfield apre al match con Tyson a una condizione
Holyfield apre al match con Tyson a una condizione
 
Karina Cascella sempre più sexy
Sara Croce, le foto sono irresistibili
Le foto di Alessia Macari
Le foto di Ilenia De Sena