La Iaaf stronca Caster Semenya

Ancora un botta e risposta tra la Federazione internazione di atletica e la mezzofondista sudafricana sul nuovo regolamento per gli atleti iperandrogeni.

Si fanno sempre più tesi i rapporti tra la Iaaf e Carsten Semenya, dopo che la Federazione internazionale di atletica leggera ha risposto seccamente alla mezzofondista sudafricana che aveva accusato la Federazione di averla usata "come cavia da laboratorio” riguardo al nuovo regolamento sugli atleti iperandrogenici. 

"È biologicamente un maschio" il parere della Iaaf in una nota, bastata sul parere del Tas di Losanna.

"Non permetterò più che usino il mio corpo" aveva attaccato Semenya che contestava il regolamento secondo cui gli atleti iperandrogeni saranno costretti a sottoporsi a una terapia ormonale per ridurre i propri livelli di testosterone e poter continuare a gareggiare.

"Mi sento ferita in un modo che le parole non riescono a spiegare" il commento di Semenya dopo la nota della Iaaf.

semenya

ARTICOLI CORRELATI:

Magnini, incubo finito: cancellata la squalifica
Magnini, incubo finito: cancellata la squalifica
Coronavirus, le conseguenze nel volley
Coronavirus, le conseguenze nel volley
Coronavirus: la pallavolo si ferma fino al primo marzo
Coronavirus: la pallavolo si ferma fino al primo marzo
 
Le foto di Natasha Thomsen
Tutti in pista con Giulia Colombo
Le foto di Stefana Veljkovic
Rihanna incanta lo Stadium