Armin Helfer ha ancora il cuore a Milano

"Che bolgia, che sogno: in sei stagioni coi Vipers vincemmo cinque scudetti" racconta.

"Sono stato fortunato. Adolf Insam, nel 2001, mi volle a Milano: in sei stagioni coi Vipers vincemmo cinque scudetti. Gli spettatori, quando venivano a Brunico, in uno stadio che avrebbe potuto contenerne 2070, arrivavano oltre 2500. Che bolgia, che sogno... Ora i soldi sono da tutt’altra parte". A dirlo, alla ‘Gazzetta dello Sport’, Armin Helfer, uno dei perni della Nazionale di hockey su ghiaccio ai Mondiali al via in Slovacchia.

A Milano, in suo onore, c’è ancora la 'Banda Helfer': "E' un gruppetto di cari amici. Vengono a Brunico e quando gioco a Milano mi trascinano al bancone del bar".

helfer

ARTICOLI CORRELATI:

Tokyo 2020, Tortu è fiducioso
Tokyo 2020, Tortu è fiducioso
Dorothea Wierer nella storia: terzo oro mondiale
Dorothea Wierer nella storia: terzo oro mondiale
Dallapè: dramma sfiorato e Olimpiadi a rischio
Dallapè: dramma sfiorato e Olimpiadi a rischio
 
Le foto di Natasha Thomsen
Tutti in pista con Giulia Colombo
Le foto di Stefana Veljkovic
Rihanna incanta lo Stadium