Tokyo 2020, Paralimpiadi al via: 115 gli Azzurri per cui tifare

Più donne che uomini, pesa come un macigno l'assenza di Zanardi.

24 Agosto 2021

Paralimpiadi al via

Con una toccante cerimonia sono stati inaugurati i Giochi Paralimpici di Tokyo: a capitanare la delegazione italiana la schermitrice Bebe Vio e il nuotatore Federico Morlacchi.

All’evento prenderanno parte 4.400 atleti in rappresentanza di 160 Paesi. 115 gli Azzurri, di cui 63 donne e 52 uomini, che saranno impegnati in 15 discipline. Tra di loro Francesca Porcellato, che per la undicesima volta parteciperà alla rassegna a Cinque Cerchi, considerando anche le edizioni invernali.

Purtroppo - ed è un’assenza che pesa come un macigno - non c’è Alex Zanardi, che sta combattendo la battaglia più difficile: tra Londra e Rio ha conquistato sei medaglie, di cui quattro d’oro. Il suo spirito combattivo sarà da faro per tutti gli atleti, non solo italiani, con la speranza che possano arrivare buone notizie sul suo stato di salute.

©Getty Images

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesTokyo 2020, il medagliere aggiornato al 4 settembre
Tokyo 2020, il medagliere aggiornato al 4 settembre
©Getty ImagesTokyo 2020, storico podio tutto azzurro nei 100 metri
Tokyo 2020, storico podio tutto azzurro nei 100 metri
©Getty ImagesTokyo 2020, tre azzurre in finale nei 100 metri con record
Tokyo 2020, tre azzurre in finale nei 100 metri con record
©Getty ImagesTokyo 2020, il medagliere aggiornato al 3 settembre
Tokyo 2020, il medagliere aggiornato al 3 settembre
©Getty ImagesTokyo 2020, Assunta Legnante arrabbiata per l'argento
Tokyo 2020, Assunta Legnante arrabbiata per l'argento
©Getty ImagesTokyo 2020, il medagliere aggiornato al 2 settembre
Tokyo 2020, il medagliere aggiornato al 2 settembre
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?