Lifa Active Solen Polo di Helly Hansen: casual, tecnica e sostenibile

28 Luglio 2021

La storia della polo è fatta di stile, sport, prestazioni e un lento ma inesorabile successo come capo alternativo alla camicia da uomo, trasformandosi da soluzione funzionale per le attività all’aperto a icona di stile dell’abbigliamento urban.
In principio fu il tennis. Nel 1926 il leggendario tennista francese René Lacoste si presentò per primo in campo indossando quella che sarebbe diventata la Chemise Lacoste: una maglietta a maniche corte in cotone pique con colletto e tre bottoni, più leggera, traspirante e comoda della tradizionale camicia button down a maniche lunghe con cui si esibivano i tennisti dell’epoca.

Il successo tra i praticanti del polo fu talmente travolgente che la “tennis shirt” si trasformò rapidamente nella “polo shirt”. Nel dopoguerra la polo si diffuse a cavallo dell’Atlantico tra gli sportivi della upper class, non solo tennisti e giocatori di polo, ma anche velisti e golfisti, e tra gli ivy-leaguers, fino a diventare un classico dell’abbigliamento maschile casual.

Lifa Active Solen Polo, la polo 2.0 di Helly Hansen

Helly Hansen è il brand norvegese che da oltre 140 anni veste i professionisti delle attività all’aria aperta, con prodotti tecnici e protettivi per la vela, l’outdoor, lo sci e il lavoro. Negli anni Helly Hansen ha conquistato una speciale reputazione attorno alle polo di ispirazione nautica, sviluppando a fianco di modelli realizzati nei più tradizionali tessuti in cotone pique, innovazioni tecnologiche per rendere le polo più leggere, traspiranti e confortevoli, in collaborazione coi team di Coppa America e di The Ocean Race.

Ma quello che posiziona la nuova Lifa Active Solen Polo in una categoria a parte sono le sue credenziali di sostenibilità, senza alcuna rinuncia al comfort e alla performance. Al contrario, il risultato è una generazione 2.0 di polo, leggere, traspiranti, confortevoli, quick dry, che lasciano la pelle asciutta e proteggono dal sole.

Il design essenziale ed elegante della Lifa Active Solen Polo, con una presenza discreta del logo Helly Hansen sul tessuto tecnico, parla un linguaggio urban, rendendola ideale sia per le attività all’aria aperta sia per affrontare con stile le roventi giornate in città.

Lifa Active Solen Polo di Helly Hansen

Le tecnologie sostenibili di Lifa Active Solen Polo di Helly Hansen

Per ottenere un simile successo di sostenibilità, stile e prestazioni, Helly Hansen ha ingegnerizzato tecnologie proprietarie come Lifa, la fibra idrofoba di polipropilene, e soluzioni messe a punto dai propri partner tecnologici.

Lifa – Il 40% del tessuto utilizzato per la Lifa Active Solen Polo è realizzato in fibra di polipropilene Lifa, che Helly Hansen ha sviluppato a partire dagli anni 60 per il proprio intimo tecnico. Lifa è idrofoba, cioè non consente alle gocce di umidità di agganciarsi al tessuto, restando sempre asciutta sulla pelle. Ma non basta. La produzione del polipropilene ha un GWP (Global Warming Potential) del 40% inferiore rispetto al poliestere, che è la fibra più utilizzata al mondo per i tessuti sintetici.

Poliestere riciclato – Il 60% del tessuto utilizzato per la Lifa Active Solen Polo è realizzato in fibra di poliestere riciclato, equivalente a 3 bottiglie di PET, consentendo in questo modo di risparmiare risorse fossili, energia, e riducendo l’impatto ambientale di produzione di questa polo.

S.Café Technology – Durante la produzione, le fibre della Lifa Active Solen Polo vengono infuse con i fondi di caffè scartati in grandi quantità da bar e ristoranti. La tecnologia S.Café migliora le caratteristiche del tessuto finale, che diventa del 200% più veloce ad asciugare rispetto al cotone, anti odore e con una migliore capacità di proteggere dal sole.

Tintura in massa – La colorazione delle fibre della Lifa Active Solen Polo avviene prima della loro estrusione. In questo modo non viene consumata acqua come accade nei tradizionali sistemi a immersione, e si risparmiano il 90% di prodotti chimici, il 50% dell’energia, e il 60% di emissioni di CO2.

Protezione UPF 50+ – Grazie alle diverse tecnologie adottate, la Lifa Active Solen Polo offre una protezione dal sole UPF 50+. Questo riduce la necessità di utilizzare creme solari protettive, risparmiando risorse, packaging e limitando la dispersione nell’acqua delle sostanze che danneggiano la flora e la fauna marine.

La Helly Hansen Lifa Active Solen Polo è disponibile in due colorazioni (navy ed ebony) nelle versioni a maniche corte (60,00 euro) e maniche lunghe (70,00 euro). La linea Solen di Helly Hansen comprende anche t-shirt a maniche lunghe e corte, con cappuccio, da uomo e donna, con le medesime tecnologie sostenibili della Lifa Active Solen Polo.

©

ULTIME NOTIZIE:

5 patologie causate dalla bicicletta
L’Alta Via del Tabacco, un bel trekking sul sentiero dei contrabbandieri in Veneto
Come si muove il seno femminile facendo sport
La Via ciclabile dell’Elba in Sassonia, per una vacanza in bici in Germania
La eMTB R Raymon AirRay in anteprima a BikeUp2021
I 10 podcast sul benessere più seguiti su Spotify
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?