L’autunno è la miglior stagione per il trekking

22 Settembre 2021

L’autunno è la miglior stagione per il trekking e la più bella per chi ama le escursioni. E non è nemmeno vero che non esistono più le mezze stagioni, anzi: per chi ama la natura sono proprio le stagioni di trapasso, quelle in cui il paesaggio e la vegetazione stanno cambiando, a regalare le emozioni più inattese.

L’autunno è la miglior stagione per il trekking

Ci sono almeno 6 motivi, puramente emozionali ed estetici, per pensare che l’autunno sia il periodo più bello dell’anno per fare un’escursione in montagna

1. La temperatura in autunno è ideale

Il caldo afoso dell’estate se n’è andato e il freddo pungente dell’inverno non è ancora arrivato. In autunno c’è la temperatura ideale per fare delle escursioni nella natura: certo al mattino l’aria è frizzante, ma con il procedere della giornata il sole scalda le ossa e i muscoli rendendo sempre più piacevole camminare nei boschi o in montagna.

> Leggi anche: Dove andare a raccogliere le migliori castagne d’Italia

2. I colori cambiano continuamente

È il foliage, con la vegetazione che cambia di colore e le foglie che cadono in attesa dell’inverno: ogni giorno c’è qualcosa di diverso, una sfumatura che ieri non c’era, colori nuovi e precari che durano un istante e poi svaniscono in nuove sfumature.

> Leggi anche: Le 10 migliori mete per il foliage

3. I panorami si spalancano agli occhi

L’autunno è la stagione dei trekking nei boschi di alberi a foglie caduche, e non solo perché cambiano i colori: con l’inizio del riposo vegetativo la chioma delle piante si dirada fino a scomparire del tutto, permettendo di vedere finalmente quei panorami che in estate sono occultati dal fogliame.

> Leggi anche: 6 giacche a guscio per rimanere all’asciutto

4. I sentieri sono meno affollati

Sì, è così: in autunno c’è meno gente in giro e per chi ama la natura nella sua dimensione più silenziosa, intima e coinvolgente l’autunno è la stagione migliore per un trekking lontano dalla folla.

> Leggi anche: Come scegliere lo zaino da trekking

5. La nebbia e la pioggia regalano qualcosa di mistico

In autunno il meteo è capriccioso e non sono infrequenti pioggia e nebbia, ma più che un fastidio l’acqua che cade e le nubi che si formano a bassa quota regalano una nuova dimensione, più intima e quasi mistica, all’esperienza di un trekking nella natura

> Leggi anche: Come mantenere impermeabili nel tempo i tuoi capi

6. Potrebbe già esserci della neve

Non certo alle latitudini dove l’estate si prolunga ben oltre la sua fine ufficiale, ma in montagna, soprattutto nelle Alpi, la neve potrebbe già fare capolino, regalano quell’intensa emozione che si rinnova ogni anno al suo arrivo.

> Leggi anche: Le scarpe da trekking per ogni genere d’escursione

Photo credits: Pixabay

©

ULTIME NOTIZIE:

CARE, i prodotti di The North Face per la pulizia e la protezione di scarpe e abbigliamento tecnico
Prima volta su una via ferrata: le cose importanti da sapere
Imparare a respirare bene: 3 semplici esercizi
10 curiosità sulla vita di Reinhold Messner
Stretching presciistica: 4 esercizi utili
Le calze per fare il Cammino di Santiago e altri trekking lunghi
 
Lazio e Inter fuori controllo: le foto della rissa
Pernille Harder bella da impazzire: le foto
I calciatori svelano i loro idoli: le foto (volume II)
I calciatori svelano i loro idoli: le foto (volume I)
Gianluigi Donnarumma sbalordisce con un nuovo tatuaggio: le foto
Calcio, le maglie più originali della stagione 2021/2022: le foto
Francia-Spagna 2-1, le pagelle
Djimsiti, che guaio per l'Atalanta: le foto