Mick Schumacher: "Il mio idolo è mio papà"

"Voglio diventare campione del mondo di Formula 1", ha affermato il figlio d'arte.

29 Marzo 2017

Se purtroppo non ci sono novità significative sulle condizioni di Michael Schumacher, suo figlio Mick continua a sfrecciare sui circuiti di mezzo mondo. Ed è in costante crescita.

Intervistato dalla tv tedesca RTL a margine dei test in corso in Austria, il figlio d’arte che quest’anno guiderà una Prema Powerteam nel campionato Euro Formula 3 ha svelato quali sono i riferimenti della sua vita sportiva e soprattutto i suoi ambiziosi obiettivi: "Il mio idolo è papà, semplicemente perché lui è il migliore, è il mio modello. Voglio diventare campione del mondo di Formula 1, credo che non sia un desiderio insolito per un giovane pilota. In questo momento non so cosa ci riserverà il futuro, poi vedremo".

Per eguagliare lo sfortunato papà deve mettere a palmarès la bellezza di 7 titoli iridati, ma a giudicare dalla sua maturità nel giudicare la guida e le caratteristiche della sua vettura, possiamo dire che è sulla buona strada: "In Formula 4 le monoposto sono molto veloci. In Formula 3 però in curva le velocità sono ancora più elevate - ha proseguito Mick Schumacher -. Mi diverto molto a duellare nel corpo a corpo e credo di avere una buona gestione della gara. Sto cercando di accumulare sempre più confidenza in auto per portarla al limite; voglio crescere, imparare ed entrare tra i top driver del mondo".

©Getty Images

ARTICOLI CORRELATI:

©erregimediaAlex Caffi torna su una F1
Alex Caffi torna su una F1
©Getty ImagesFerrari, Mattia Binotto:
Ferrari, Mattia Binotto: "Non siamo contenti, ed è un buon segno"
©Getty ImagesGeorge Russell si scusa: il messaggio di Lewis Hamilton
George Russell si scusa: il messaggio di Lewis Hamilton
 
Milan-Genoa 2-1, le pagelle: la decide un autogol di Scamacca
Europa League: Roma-Ajax 1-1, le foto
Liverpool-Real Madrid 0-0, le foto
Psg-Bayern Monaco 0-1, le foto della supersfida
Ajax-Roma 1-2, le foto del colpaccio giallorosso
Juventus-Napoli 2-1, le pagelle: ci pensano CR7 e Dybala