All'Europeo con l'occhio di falco

19 Aprile 2016

Dopo le finali di Champions e Europa League, e dopo la Serie A, anche nel prossimo campionato europeo per nazioni, in programma in Francia tra il 10 giugno e il 10 luglio, sarà addottata la goal-line technology per eliminare i casi di “gol fantasma”.

A ufficializzarlo è stato Pierluigi Collina, responsabile dei direttori di gara dell’Uefa, che ha comunicato la decisione assunta a Nyon di privilegiare questo sistema ormai consolidato, preferendolo ad altre proposte.

L’occhio di falco (“Hawk-Eye") sarà installato in tutti i dieci stadi del torneo entro l’inizio del torneo. "La goal-line technology e gli assistenti arbitri addizionali sono perfettamente complementari" ha detto Collina.

Addio quindi ai casi controversi, uno dei più illustri dei quali avvenuto proprio all’ultima edizione dell’Europeo, quando l’Ucraina vide negarsi un gol valido a tutti gli effetti realizzato da Marko Devic nella partita della fase a gironi contro l’Inghilterra.

©

NOTIZIE EURO2020:

©Euro2020, Hjulmand dopo Eriksen non ha più paura di niente
Euro2020, Hjulmand dopo Eriksen non ha più paura di niente
©Euro2020, in Ungheria orgoglio e delusione
Euro2020, in Ungheria orgoglio e delusione
©Euro2020, il tabellone degli ottavi di finale
Euro2020, il tabellone degli ottavi di finale
©Euro2020, Ronaldo da record, la Germania si salva
Euro2020, Ronaldo da record, la Germania si salva
©Euro2020, Paulo Sousa ora rischia il posto
Euro2020, Paulo Sousa ora rischia il posto
©Euro2020, Luis Enrique incassa la conferma
Euro2020, Luis Enrique incassa la conferma
 
Dal paracadutista alla modella: le foto delle invasioni di campo più clamorose
Italia-San Marino 7-0: le foto della goleada
Villarreal, trionfo in Europa League: le foto
Gattuso in viola: tutte le panchine di Ringhio. Le foto
I gol che hanno deciso la corsa Champions: le foto
Coppa Italia, Atalanta-Juventus 1-2: le pagelle