Verona, Fusco assolve Pecchia: “Colpa mia”

Il direttore sportivo gialloblù ha parlato del difficile avvio di campionato dell'Hellas: "Squadra costruita in ritardo per colpa mia".

Il Verona ha messo un tampone alla crisi di inizio di campionato grazie alla rocambolesca rimonta in casa del Torino, gelato da due reti nei minuti di recupero di Kean e di Pazzini su rigore.

La panchina di Pecchia è meno scricchiolante, ma il tecnico dell’Hellas ha in realtà sempre goduto della fiducia della società, come confermato dalle parole rilasciate a Telenuovo dal direttore sportivo Filippo Fusco, che ha pure fatto mea culpa per la conduzione del mercato:

L'anno scorso Pecchia ha potuto lavorare in ritiro con una squadra molto vicina a quella definitiva. Quest'anno, anche per colpa mia, questo non è stato possibile. In ritiro il Verona era una squadra ancora in cantiere, poi dobbiamo aggiungere la vicenda Cassano ed altre situazioni che non ho gestito al meglio. Siamo partiti in ritardo, ma ci stiamo riprendendo bene. La Serie A è di alto livello e la nostra è una squadra giovane".

Il primo gol sul campo del Toro è stato firmato da Moise Kean, alla seconda rete in A dopo quella contro il Bologna segnata con la Juventus nell’ultima giornata dello scorso campionato: "Kean lo abbiamo chiesto a maggio, ma è arrivato il 31 agosto, nell'ultimo giorno di mercato – ha concluso Fusco – Non sono riuscito a darlo a Pecchia prima, è una mia responsabilità”.
 

©Getty Images

ARTICOLI CORRELATI:

©Getty ImagesI big del Liverpool potrebbero lasciare: le dure parole di Klopp
I big del Liverpool potrebbero lasciare: le dure parole di Klopp
©Getty ImagesMilinkovic-Savic, il futuro potrebbe essere in bianconero
Milinkovic-Savic, il futuro potrebbe essere in bianconero
©Getty Images
"Giroud è stato praticamente un giocatore della Juventus"
 
Parma-Inter 1-2, le foto della vittoria nerazzurra
Genoa-Sampdoria, le foto del derby della Lanterna
Sassuolo-Napoli, le foto del pirotecnico 3-3
Juventus-Spezia 3-0, le pagelle
Roma-Milan 1-2, le pagelle
Italia femminile, goleada e qualificazione agli Europei: le foto