Cerci aspetta la Roma

L'attaccante del Milan scettico sul Genoa.

Il sogno di sfondare in rossonero è durato un anno. Quello di diventare una stella internazionale è naufragato già dopo il Natale 2014, quando il Milan lo ripescò dopo 6 mesi d’inferno all’Atletico Madrid.
 
Quello di tornare al Torino, unica squadra in cui ha davvero convinto, si è spento dopo gli assordanti fischi che gli hanno dedicato i tifosi granata nella sfida da ex dello scorso ottobre. A questo punto, non resta che aggrapparsi all’ultima speranza. Quella di tornare a casa, nella squadra in cui ha mosso i primi passi e debuttato in Serie A a 17 anni, nel 2004. Alessio Cerci è ancora un uomo-mercato.
 
Scaduto il tempo al Milan, dove neppure qualche lampo nel girone d’andata non l’ha salvato dall’imminente addio, l’Henry di Valmontone non ha ancora detto sì al Genoa. I rossoblù, di concerto con i rossoneri, lo avevano scelto come erede di Diego Perotti, destinato alla Roma. Era tutto fatto per il prestito, ma non per i colchoneros, che puntano a inserire una clausola con vista sul riscatto da parte del Grifone.
 
E neppure per l’interessato, che nicchia, anche alla luce della difficile classifica della squadra di Gasperini. Alla base, motivi d’ingaggio, ma anche… di cuore. Cerci è infatti entrato anche nel mirino della Roma, che non dovrebbe fermarsi al solo Perotti. I giallorossi sono in bilico tra due esuberi milanisti, pensando anche a El Shaarawy.
 
Ma dalla parte di Alessio, oltre a una motivazione feroce, c’è anche il fatto di non occupare un posto tra i 25, essendo inseribile tra i giocatori prodotti nel vivaio.
 

ARTICOLI CORRELATI:

La Fiorentina pensa all'erede di Iachini
La Fiorentina pensa all'erede di Iachini
Sami Khedira giura amore alla Juventus
Sami Khedira giura amore alla Juventus
Il Torino non molla Bonaventura
Il Torino non molla Bonaventura
 
Karina Cascella sempre più sexy
Sara Croce, le foto sono irresistibili
Le foto di Alessia Macari
Le foto di Ilenia De Sena