Basta un gol all’Atalanta per battere il Verona

Basta un gol all'Atalanta per battere il Verona

Massimo risultato col minimo sforzo per l’Atalanta di Gasperini che, con una rete nel primo tempo del solito Koopmeiners, sbanca il Bentegodi di Verona. Classifica: Atalanta 12, Verona 7. Prossimo turno: Atalanta-Juventus (domenica 1 ottobre ore 18) Torino-Hellas Verona (lunedì 2 ottobre ore 18:30).

Primo tempo. L’Atalanta subito in avanti, schiacciando i gialloblù nella loro trequarti. Sull’altro fronte Bonazzoli, di rimessa, il suo passaggio per l’accorrente Ngonge si spegne tra le mani del portiere Carnesecchi. 13’: splendida azione corale dell’Atalanta con palla a terra, finalizza in diagonale dall’onnipresente Koopmeiners con un diagonale: 0 a 1. Reazione veronese al 18’: “telefonata” di Terraciano per l’estremo orobico.

Gli uomini di Gasperini controllano un Verona che non riesce ad incidere. Ancora Terraciano da fuori, palla sopra la traversa. Erroraccio in avanti per l’Hellas che innesca il micidiale contropiede avversario ma Pasalic sottomisura, con Montipò battuto, non riesce a deviare in rete il possibile raddoppio, la palla finisce clamorosamente sul fondo. Ci mettono il cuore gli scaligeri ma gli errori in fase offensiva sono troppi per potere competere con un’Atalanta che continua ad amministrare.

Secondo tempo. Subito due sostituzioni nell’Atalanta: dentro Hateboer e De Ketelaere. E subito Hellas pericoloso con uno stacco ravvicinato di Hien, anche stavolta la palla sorvola il montante. Stessa sorte per la punizione di Duda. 12’: nel Verona entrano Lazovic e Suslov. Dopo 60 minuti di gioco nessuna parata per i due portieri. La gara si trascina senza emozioni. Un sussulto al 19’: Djimsiti corregge, di testa, una punizione dalla sinistra: la palla sfila sul fondo non lontano dal secondo palo. 27’: dentro Miranchuk nell’Atalanta; nell’Hellas Saponara ed Henry, quindi Scalvini nella Dea. I nuovi ravvivano la manovra offensiva veronese ma Carnesecchi resta (ancora) a secco di parate.

Stesso discorso per Montipò che, però, per la seconda volta osserva l’Atalanta gettare alle ortiche il raddoppio: stavolta è De Ketelaere a staccare di testa ad un metro dalla porta vuota con la palla che finisce clamorosamente sopra la traversa. Dentro anche Serdar nel Verona. Finalmente al 39’ la prima parata della partita: Carnesecchi devia in angolo una bordata da fuori di Suslov. Due minuti più tardi spazio anche a Montipò che respinge il diagonale di Hateboer. Cinque minuti di recupero, Enderson fallisce il raddoppio di rimessa, il risultato non cambia. Triplice fischio: Hellas Verona-Atalanta 0-1.

Articoli correlati