Tortu senza limiti dopo la “benedizione” di Bolt

"Usain mancherà tanto all'atletica, è stato emozionante stare al suo fianco in pista. Se riuscirò a scendere sotto i 10''...".

17 Ottobre 2017

Filippo Tortu è il futuro dell'atletica italiana.

"Mi sentivo professionista già l'anno scorso ma nel 2017 sono iniziati ad arrivare i risultati – ha dichiarato ai microfoni di Sportal.it lo sprinter Azzurro, a margine della seconda edizione del Forum Sport and Business del Gruppo 24 Ore -. L'esperienza dei Mondiali è stata la più bella e anche la più utile, per farmi capire la dimensione che ho raggiunto. 

A Londra Tortu ha avuto anche l'onore di correre al fianco di Usain Bolt: "Purtroppo non in gara, ma averlo vicino in riscaldamento è stata un'emozione molto forte. Lui mancherà tanto a questo sport, sarà molto difficile trovare un erede nei prossimi vent'anni, sia come atleta che come personaggio".

"Io mi sento il piccolino del gruppo, l'Italia ha tantissimi campioni come Tamberi, la Palmisano, la Trost… Obiettivi a lungo termine? Faccio fatica a rispondere adesso, sicuramente nel 2020 ci saranno le Olimpiadi ma prima nel 2018 gli Europei di Berlino".

A livello di crono, c'è un grande sogno: "Io mi alleno per migliorare e se tutto questo mi porterà a scendere sotto i 10'' sui 100 m sarò molto felice".

Guarda il video:

©

ARTICOLI CORRELATI:

©Mondiali hockey ghiaccio, cambia la sede
Mondiali hockey ghiaccio, cambia la sede
©Stephane Peterhansel si conferma re della Dakar
Stephane Peterhansel si conferma re della Dakar
©L'urlo di Blengini:
L'urlo di Blengini: "Italia da medaglia a Tokyo"
 
Inter-Juventus 2-0, le pagelle
Le pagelle di Lazio-Roma 3-0
Supercoppa alla Juve, le foto
Serie A: le foto di Roma-Inter 2-2
Le pagelle di Milan-Juventus 1-3
Cristiano Ronaldo schianta da solo l'Udinese: le foto