Combattimento fatale, muore Christian Daghio

Il campione del mondo dei supermedi è scomparso a Bangkok. È stato anche un mito della Thai boxe.

La boxe italiana piange la scomparsa di Christian Daghio, campione mondiale in carica dei super-medi, morto in un ospedale di Bangkok a causa dei traumi riportati per un ko subito nel match valido per la difesa del titolo iridato, svoltosi lo scorso 26 ottobre.

Daghio, che era nato a Carpi nel 1969, è spirato dopo una settimana di agonia: “È stato un combattimento leale – ha detto il fratello Riccardo in un’intervista a concessa ‘Il Resto del Carlino' - Era caduto una prima volta, qualsiasi altro pugile si sarebbe arreso. Ma lui non mollava mai. E' morto come voleva: combattendo”.

Oltre che pugile, Daghio è stato un mito della Thai boxe, antica arte marziale che ammette l’uso di pugni, calci, gomitate e ginocchiate, al punto da trasferirsi in Thailandia nel 1996 e qui aprire una scuola. In questo sport ha conquistato tre medaglie con l’Italia tra Europei e Mondiali.

Aveva lasciato l’attività nel 2016, salvo rientrare un anno dopo per tornare a dedicarsi al pugilato. Il suo score parla di 31 vittorie su 31 nel pugilato, 27 di queste per ko, e 142 successi su 186 match di Thai.

Ring, boxe

ARTICOLI CORRELATI:

Butta sul ghiaccio l'arbitro, mega squalifica
Butta sul ghiaccio l'arbitro, mega squalifica
Magnini, incubo finito: cancellata la squalifica
Magnini, incubo finito: cancellata la squalifica
Coronavirus, le conseguenze nel volley
Coronavirus, le conseguenze nel volley
 
Le foto di Natasha Thomsen
Tutti in pista con Giulia Colombo
Le foto di Stefana Veljkovic
Rihanna incanta lo Stadium