Cosa fare se il cane prende le zecche nel bosco

21 Agosto 2021

Per chi porta sempre il cane con sé durante le gite ed escursioni non è raro che il cane prende le zecche nel bosco:  “Per tutta una serie di motivazioni climatico-ambientali è sempre più frequente trovare infisse sulla pelle del cane delle zecche“, dice Alessandro de Guelmi, medico veterinario di Arco di Trento e Val di Ledro. Per evitare questi spiacevoli inconvenienti è certo importante effettuare regolare attività di prevenzione con i prodotti regolarmente in commercio e ispezionare il proprio cane al ritorno dall’escursione. E nel caso in cui trovassimo delle zecche infisse sulla pelle dell’animale, è importante riuscire a toglierle entro 12 ore dall’attecchimento.

Cosa fare se il cane prende le zecche nel bosco

Utilizzando una pinzetta, o meglio gli appositi gancetti a forma di piede di porco in miniatura, ruotiamo in senso antiorario e facciamo una leggera trazione prestando attenzione a staccare completamente tutto il corpo della zecca. Disinfettiamo infine con prodotti a base di iodio.

Se ami portare il tuo amico peloso con te durante trekking ed escursioni potrebbero interessarti anche questi articoli:

In montagna col cane: le 3 precauzioni fondamentali

Cosa fare se il cane viene morso da una vipera durante un’escursione

Col cane in montagna: le regole e i divieti da conoscere

 

©

ULTIME NOTIZIE:

Non serve camminare 10 mila passi al giorno per essere in forma
La Trasversale Sicula in bici: la ciclovia di 600 km da Mozia a Vittoria
I percorsi in bicicletta nel Vallese svizzero
Dieta vegetariana e sport: come fare il pieno di energia
5 patologie causate dalla bicicletta
L’Alta Via del Tabacco, un bel trekking sul sentiero dei contrabbandieri in Veneto
 
Liverpool-Milan 3-2, le pagelle
Malmoe-Juventus 0-3, le pagelle
Cristiano Ronaldo abbatte uno steward. Poi si scusa. Le foto
Europa League: le rivali delle italiane
Sampdoria-Milan 0-1, le pagelle
Udinese-Juventus 2-2, le pagelle
Psg, partitella d'allenamento stellare: le foto
Serie A tra ritorni e conferme: chi rischia di più?