Milan, anche Simon Kjaer spaventa il Diavolo per il rinnovo

"Il club conosce la mia opinione e la mia posizione a riguardo".

6 Ottobre 2021

Le parole di Simon Kjaer

Non c'è pace in tema di rinnovi per il Milan.

Dopo il caso Donnarumma della passata stagione, ora c'è il rischio che anche Kessié se ne vada a parametro zero. E come lui anche Romagnoli.

Come se non bastasse, arrivano dal ritiro della nazionale danese le parole di Simon Kjaer. "Se sono più vicino al rinnovo con il Milan? No, ma sono comunque estremamente felice di giocare in rossonero. Ho passato così tanti momenti nel calcio, che non mi concentro su questo aspetto.

"Mi sento bene, mi piace giocare e godermi la vita al Milan. Il club conosce la mia opinione e la mia posizione a riguardo: quando vuole risolvere la questione, sa anche che mi può chiamare". Un messaggio chiaro a Maldini, che però difficilmente si lascerà scappare anche il capitano della Danimarca.

©Getty Images

ULTIME NOTIZIE:

©Getty ImagesLorenzo Lucca fa l'occhiolino a Zlatan Ibrahimovic
Lorenzo Lucca fa l'occhiolino a Zlatan Ibrahimovic
©Getty ImagesAlexis Saelemaekers, rinnovo col Milan fino al 2026
Alexis Saelemaekers, rinnovo col Milan fino al 2026
©Getty ImagesLionel Messi, imbarazzo per la gaffe di Laporta
Lionel Messi, imbarazzo per la gaffe di Laporta
©Getty ImagesVlahovic chiude la porta:
Vlahovic chiude la porta: "Basta parlare con la Fiorentina"
©SMAcademyNuova avventura in panchina per Alain Conte
Nuova avventura in panchina per Alain Conte
©Getty ImagesIl no di Zinedine Zidane al Newcastle ha una spiegazione
Il no di Zinedine Zidane al Newcastle ha una spiegazione
 
Pernille Harder bella da impazzire: le foto
I calciatori svelano i loro idoli: le foto (volume II)
I calciatori svelano i loro idoli: le foto (volume I)
Gianluigi Donnarumma sbalordisce con un nuovo tatuaggio: le foto
Calcio, le maglie più originali della stagione 2021/2022: le foto
Francia-Spagna 2-1, le pagelle
Djimsiti, che guaio per l'Atalanta: le foto
Nations League, Italia-Spagna 1-2: le pagelle della sfortunata semifinale