Trento riparte da Sbertoli, addio a Milano

Il regista della Nazionale lascia il club del presidente Fusaro dopo 6 anni in prima squadra.

25 Giugno 2021

Sbertoli da Milano a Trento

Riccardo Sbertoli non sarà più il regista della Powervolley Milano.

L'alzatore della Nazionale, nato a Milano il 23 maggio, lascia il club del presidente Fusaro dopo 6 anni in prima squadra e dalla prossima stagione vestirà la maglia di Trento, con la società di via Trener che ha rilevato il contratto in essere dell’atleta con Powervolley avente validità fino al 30/06/2022.

"Riccardo è un giocatore che rimarrà per sempre nel cuore di Milano – sono le parole del presidente Lucio Fusaro –. È cresciuto insieme e grazie a noi, e avergli dato l’opportunità non solo di esordire in Superlega ma anche di affermarsi a livello nazionale ed internazionale è per noi motivo di grande orgoglio. Il ragazzo ci ha manifestazione l’intenzione di andare via e, seppur con grande dispiacere, abbiamo cercato di accontentarlo perché Riccardo per noi è come un figlio ed è giusto che i figli “camminino” da soli, anche alla luce del rapporto di grande affetto che ci lega e ci legherà per sempre. Gli auguriamo il meglio, tranne quando giocheremo contro, consapevoli che le porte di Milano per lui saranno sempre aperte. La sua partenza, tuttavia, non ci lascia sorpresi: stiamo operando sul mercato per portare un altro talento cristallino di altissima prospettiva presente e futura che saprà entrare nel cuore del gioco, oltre che nel cuore dei tifosi, per rendere grande l’Allianz Powervolley Milano e consacrarsi con la nostra maglia come uno dei migliori palleggiatori del mondo. Si tratta di un atleta che rappresenta l’astro nascente del volley italiano. Anche in questo caso la nostra politica è quella di dare fiducia ai giovani ed aiutare il ragazzo a diventare un punto di riferimento nel panorama italiano ed europeo: tutta la società, insieme allo staff tecnico, nutre grandissima fiducia in lui".

Al saluto del presidente fa l’eco quello del giocatore, che è entrato nella storia del club anche per aver vinto il primo trofeo assoluto: la Challenge Cup ottenuta dopo il successo in finale, lo scorso 24 marzo, contro lo Ziraat Bankasi Ankara. «Sono grato a Milano per tutto quello che ha fatto per me – commenta Sbertoli –. Insieme abbiamo fatto grandi passi: siamo partiti dal basso e in questi anni siamo arrivati a ridosso delle prime posizioni fino al raggiungimento della CEV Challenge Cup conquistata lo scorso anno. Lascio questa società con grandissimi e straordinari ricordi che mi porterò sempre dietro: in questi anni mi sono trovato sempre benissimo. Milano sarà nel mio cuore non solo perché è la squadra della mia città, ma perché grazie a Powervolley ho vissuto grandissime esperienze ed ho stretto dei legami che sono andati oltre l’aspetto professionale. Mi porto dietro la consapevolezza della bellezza di questi rapporti che solo uno sport come la pallavolo sa dare. Ho comunicato al presidente la volontà di provare una nuova avventura ed ho pensato che fosse questo il momento giusto di staccarmi da Milano, che ringrazierò sempre per avermi lanciato ad alti livelli".

©Power Volley Milano

NOTIZIE TOKYO 2020:

©Getty ImagesTokyo 2020, volley: ora Zaytsev alza la voce contro Velasco
Tokyo 2020, volley: ora Zaytsev alza la voce contro Velasco
©Getty ImagesTokyo 2020,  il medagliere aggiornato al 26 luglio
Tokyo 2020, il medagliere aggiornato al 26 luglio
©Getty Images4x100 sl da urlo, il film di un'impresa leggendaria: guarda il video!
4x100 sl da urlo, il film di un'impresa leggendaria: guarda il video!
©Getty ImagesTokyo 2020: ping pong, clamoroso ko della Cina
Tokyo 2020: ping pong, clamoroso ko della Cina
©Getty Images
"Devi soffrire!": le urla del tecnico di Garozzo sono virali
©Getty ImagesFabio Fognini annuncia una sorpresa a Tokyo 2020
Fabio Fognini annuncia una sorpresa a Tokyo 2020
 
Dal paracadutista alla modella: le foto delle invasioni di campo più clamorose
Italia-San Marino 7-0: le foto della goleada
Villarreal, trionfo in Europa League: le foto
Gattuso in viola: tutte le panchine di Ringhio. Le foto
I gol che hanno deciso la corsa Champions: le foto
Coppa Italia, Atalanta-Juventus 1-2: le pagelle